Stefano Cucchi, chiesto il rinvio a giudizio per cinque carabinieri

Tre militari devono rispondere di omicidio preterintenzionale del giovane geometra romano morto il 22 ottobre 2009 all'ospedale Sandro Pertini. Per altri due militari l'accusa è di calunnia e falso. "E' un traguardo eccezionale" commenta Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per i cinque carabinieri coinvolti nell’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi, avvenuta il 22 ottobre 2009 nell’ospedale Sandro Pertini. Per i tre militari che arrestarono Cucchi il 15 ottobre precedente, ritenuti gli autori del pestaggio, l’accusa è omicidio preterintenzionale. Gli altri due carabinieri invece devono rispondere dei reati di calunnia e falso. 

I militari sono accusati di abuso di autorità per aver sottoposto Stefano Cucchi a “misure di rigore non consentite dalla legge”.

Il procuratore Giuseppe Pignatone e il sostituto Giovanni Musarò hanno configurato il reato di omicidio preterintenzionale nei confronti di Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco, all’epoca dei fatti in servizio presso il commando stazione di Roma Appia: sono i tre militari che procedettero all’arresto del geometra, in flagranza di reato per detenzione di droga. Tedesco è accusato anche di falso e calunnia. A Roberto Mandolini, comandante interinale della stessa stazione, vengono attribuiti i reati di calunnia e falso. Anche per il carabiniere Vincenzo Nicolardi pende l’accusa di calunnia.

 Nel procedimento bis sui cinque carabinieri, sono indicati quali parti offese i genitori di Stefano Cucchi (Giovanni e la moglie Rita Calore), la sorella Ilaria e i tre agenti della penitenziaria assolti nei precedenti gradi di giudizio, Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' un traguardo eccezionale". commenta Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi. "Ce lo aspettavamo - ha aggiunto - ora potremo vedere tutte le carte processuali e tutto il lavoro svolto dalla Procura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi martedì 15 settembre 2020: numeri e quote

  • Cosa c'è dietro il video dell'autoscontro con i banchi a rotelle nel primo giorno di scuola

  • Coronavirus, 5 bambini positivi in 5 classi diverse: ora tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento