Mercoledì, 14 Aprile 2021
Il caso / Sondrio

Studente assalì il prof con insulti e bestemmie per un brutto voto: condannato a risarcirlo con 14.500 euro

Cinque anni fa il video in cui l'insegnante veniva spintonato in una scuola superiore di Sondrio era finito sui social network. Una sentenza (di primo grado) che fa notizia

Una sentenza che fa notizia. Uno studente che bullizzò un suo professore fino a rendergli la vita un inferno dovrà risarcire l'insegnante. O almeno, è quel che ha stabilito il Tribunale Civile di Sondrio: è stato infatti stabilito in primo grado un indennizzo per danni morali. Cinque anni fa il video in cui il docente veniva spintonato e insultato dopo un brutto voto era finito su tutti i social e di lì sulla ribalta mediatica nazionale. Il ragazzo, ora maggiorenne, è accusato di violenza privata e minacce. 

Sondrio, a 17 anni bullizzò il professore: dovrà risarcirlo

Lui e i genitori dovranno pagare 14.500 euro di indennizzo per danni morali: lo studente si scagliò contro il suo professore di materie tecniche presso Istituto Professionale Statale "Besta Fossati" di Sondrio. Una scena di umiliazione e bullismo inqualificabile, ripresa da qualche compagno con il cellulare - ricorda SondrioToday - e che in poche ore divenne un caso a livello nazionale. Il foglio con l’esercitazione insufficiente lanciato in faccia al docente. Uno spintone e gli occhiali che volano via.

L'insegnante, vessato e denigrato, dopo l'increscioso episodio aveva addirittura cambiato lavoro, diventando dipendente del ministero dello Sviluppo economico. Lo studente, all'epoca dei fatti 17enne, venne sospeso dalle lezioni dal preside del Fossati, decidendo infine di ritirarsi dalla scuola. Ora, a distanza di anni, la sentenza di primo grado con l'indennizzo, a cui va aggiunto il pagamento delle spese processuali.

Assalì il prof con insulti e bestemmie: la sentenza di primo grado

La cifra è frutto di una mediazione durata a lungo. In un primo momento, dopo che l'episodio era finito sul banco del tribunale di Sondrio, la famiglia del giovane aveva proposto 10mila euro al professore per risarcire i danni subiti. Un'offerta rifiutata perchè ritenuta troppo bassa per le umiliazioni subite, tra insulti e bestemmie, rilanciata dagli avvocati della vittima alla cifra di 26mila euro.

Dopo un primo respingimento il giudice, durante un nuovo tentativo di conciliazione, a distanza di anni, ha ritenuto equo il risarcimento stimato attorno ai 14mila euro. Adesso saranno i legali del giovane e della sua famiglia a valutare se quanto richiesto possa essere adeguato, facendo eventualmente ricorso.

Da parte dell'ex docente, pur accettando i soldi, non vi sarebbe comunque un riconoscimento della totale complessità della vicenda visto il cambio di professione, vita e progetti. Impossibile dimenticare che i fatti si svolsero in un luogo dedicato alla formazione dei giovani, simbolo di educazione e rispetto, come la scuola pubblica.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studente assalì il prof con insulti e bestemmie per un brutto voto: condannato a risarcirlo con 14.500 euro

Today è in caricamento