Lunedì, 22 Luglio 2024
Vip

Whitney Houston morì annegata a causa di un cocktail di farmaci e droghe

Concluso l'esame del medico legale: decesso accidentale a cui ha contributo una malattia cardiaca e l'uso di cocaina

Whitney Houston è morta annegata nella vasca da bagno in seguito a un attacco di cuore causato dal mix di sostanze e farmaci che aveva assunto.

Questi sono i risultati delle analisi del medico legale condotte sul corpo della cantante di "The Bodyguard", trovata morta il 12 febbraio scorso nella sua stanza d'albergo al quarto piano del Beverly Hilton Hotel.

Si è trattato quindi di una morte accidentale e il referto conferma quando si era già vociferato al momento della morte di Whitney Houston.

L'esame tossicologico ha riscontrato la presenza nel sangue della cantante di cocaina, marijuana e farmaci antidepressivi. Al decesso, specifica il medico legale della contea di Los Angeles, ha contributo "una malattia cardiaca (l'aterosclerosi) e l'uso cronico di cocaina".

Nata a Newark, nel New Jersey, la cantante era stata scoperta agli inizi degli anni Ottanta. Nel 2008 è entrata nel Guinness dei Primati come l'artista più premiata e popolare al mondo, con 6 Grammy Awards e 22 American Music Awards.

L'affermazione planetaria arrivò con il film e la relativa colonna sonora "The Bodyguard", interpretato al fianco di Kevin Costner. Seguì un periodo di declino, legato a vicende personali, seguiti al matrimonio e al divorzio con il cantante Bobby Brown, e a problemi con la droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Whitney Houston morì annegata a causa di un cocktail di farmaci e droghe
Today è in caricamento