rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
MEDIO ORIENTE

Esperti russi: "Arafat non fu ucciso con il polonio"

La perizia russa smentisce quanto sostenuto dalla rivista Lancet

La perizia russa sul campione di spoglie di Yasser Arafat esclude che il leader palestinese sia stato avvelenato col polonio, contrariamente a quanto sostenuto da un articolo della rivista Lancet.

Un responsabile russo, Vladimir Ouïba, ha detto all'agenzia Interfax: "Non può essere stato avvelenato col polonio. Gli esperti russi che hanno condotto l'indagine non hanno trovato traccia di tale sostanza".

"YASSER ARAFAT E' MORTO DI AIDS"

Domenica la rivista Lancet, citando un'analisi effettuata da esperti svizzeri, aveva detto che sul corpo di Arafat erano state rinvenute tracce di polonio 210.

Il leader palestinese è morto nel 2004 presso l'ospedale militare francese di Percy, vicino a Parigi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esperti russi: "Arafat non fu ucciso con il polonio"

Today è in caricamento