Sabato, 13 Luglio 2024
Il caso / Stati Uniti d'America

Bimbo morto all'asilo nido: trovato Fentanyl sotto il materasso

Nicholas Dominici aveva solo un anno ed è stato ucciso da una overdose. Tre compagnetti sono finiti in ospedale. Per la polizia, ai piccoli veniva fatto inalare il medicinale, che è almeno 80 volte più potente della morfina

Svolta nelle indagini per la morte di Nicholas Dominici, il bimbo di appena un anno morto a New York per overdose mentre si trovava all'asilo. Gli inquirenti hanno trovato un chilo di Fentanil, un potentissimo analgesico, sotto uno dei materassi nella stanza dove i bimbi riposavano. Adesso Grei Mendez e il cugino di suo marito, Carlisto Acevedo Brito, che affittavano una stanza all'interno dell'asilo nido domiciliare sono stati arrestati. Rispondono di associazione a delinquere e omicidio. 

Nicholas aveva appena compiuto un anno e da alcuni giorni frequentava l'asilo Divino Niño nel Bronx. Il 19 settembre il malore improvviso e la morte. Il piccolo è stato stroncato da un'overdose. Altri tre bimbi sono finiti in ospedale con sintomi analoghi ed è stato necessario somministrare loro il Narcan, un farmaco di emergenza utilizzato per invertire le overdose da oppioidi.

Altri tre bebè sono rimasti intossicati, molto probabilmente per essere venuti a contatto con il Fentanil, un potente oppioide sempre più diffuso nel mercato degli stupefacenti. Il proprietario della struttura è stato arrestato. È successo a New York, negli Stati Uniti, come riportano i media locali.  

Il Fentanyl è un analgesico molto potente, con una potenza di almeno 80 volte superiore a quella della morfina. I suoi derivati sono sintetizzati illecitamente e venduti come "eroina sintetica" o mescolati con l'eroina.
 
Divino Niño è uno degli oltre seimila asili in casa di New York. Aveva regolare licenza e aveva superato la revisione a sorpresa da poche settimane.  Secondo la polizia però, i bambini affidati all'asilo (tutti di età compresa tra otto mesi e due anni) hanno inalato il medicinale. Nella struttura c'erano, oltre al medicinale, anche tre presse utilizzate per confezionare chili di farmaci. I procuratori federali accusano gli indagati di "cospirazione per distribuire narcotici con conseguente morte". "Hanno avvelenato quattro bambini e ne hanno ucciso uno, perché stavano conducendo un'operazione di droga da un asilo nido", ha detto martedì il procuratore americano di Manhattan Damien Williams.

"Un pezzettino, meno delle dimensioni di un'unghia, può uccidere un adulto. Quindi immaginate cosa potrebbe fare a un bambino", ha detto il sindaco Eric Adams, sottolineando l'effetto potenziale del farmaco. 

I filmati di sorveglianza e i tabulati telefonici mostrano che Mendez ha chiamato il marito dopo aver trovato i bambini privi di sensi prima di contattare i servizi di emergenza. L'uomo - che è ricercato - avrebbe quindi fatto sparire delle borse dall'asilo prima dell'arrivo dei soccorsi.  

Mendez, tramite il suo legale, respinge le accuse. "Lei non lo sapeva. Ha affittato una stanza a qualcuno e non sapeva cosa stesse succedendo - ha detto il legale Andres Aranda - . È una tragedia per i bambini, è una tragedia per lei, perché non credo che sia coinvolta in quello che è successo. Quindi è davvero brutto per tutti".

Continua a leggere su Today.it...
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo morto all'asilo nido: trovato Fentanyl sotto il materasso
Today è in caricamento