rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Mondo Francia

Caro benzina, esplode la protesta dei gilet gialli: "In 81mila nelle strade"

Barricate sugli Champs Elysees a Parigi dove 8mila manifestanti stanno prendendo parte alle proteste contro il rialzo dei prezzi dei carburanti

Sono 81mila le persone che stanno manifestando in tutta la Francia nell'ambito della mobilitazione dei gilet gialli. A Parigi i manifestanti sono 8mila, 5mila dei quali sugli Champs Elysees. Il dato è stato fornito dal ministro dell'Interno, Christophe Castaner. Il ministro ha denunciato "una mobilitazione dell'ultradestra". Trentacinque persone sono state arrestate, per 22 delle quali è scattato il fermo. Otto le persone rimaste ferite, tra cui due gendarmi.

Chi sono i gilet gialli e cosa vogliono (e ora un ex M5s apre la "succursale" italiana)

Alcuni gruppi di gilet gialli hanno anche costruito delle barricate sugli Champs Elysees a Parigi, utilizzando gli arredi delle terrazze dei caffè, pezzi di pavimentazione e barriere di cantiere. Ma le barricate non hanno tenuto a lungo, come dimostrano le immagini sui siti francesi, con mucchi di sedie di caffè rovesciati.

La polizia ha lanciato lacrimogeni e usato gli idranti contro i dimostranti che tentavano di marciare verso Place de la Concorde e verso l'Eliseo intonando la Marsigliese: i gilet gialli urlano slogan come "Macron dimettiti" e "La Francia in collera".

Chi sono i gilet gialli e perché protestano

Una settimana fa - in occasione delle precedenti mobilitazioni dei gilet gialli - alla stessa ora i manifestanti erano 244mila, ricordano i media francesi.

gilet gialli-2

Da una settimana la protesta dei gilet gialli in Francia blocca strade e infrastrutture energetiche. I manifestanti protestano contro l'aumento dei prezzi del carburante deciso dal governo Macron e le condizioni di vita sempre più difficili.

Le autorità per evitare i disordini e le vittime del primo weekend di proteste (un morto e decine di feriti) hanno dispiegato le forze dell'ordine a livello eccezionale in tutta la Francia, temendo infiltrazioni di fasce estreme nelle manifestazioni.

I blocchi stradali degli autoproclamati 'gilet gialli' sono diventati realtà settimane dopo che la cittadina Jacline Mouraud il 18 ottobre scorso ha postato su Facebook un video in cui si diceva stanca "dell'accanimento del governo contro gli automobilisti". Il video, presto diventato virale con milioni di visualizzazioni, ha di fatto incanalato e fatto scoppiare il malcontento di alcune fasce della popolazione, che ha così deciso di organizzarsi e protestare scendendo in piazza.

Chi sono i "gilet gialli"

Come ha raccontato ieri il quotidiano Le Figaro, il movimento nasce ancor prima di ottobre, in seguito a una petizione online lanciata a fine maggio da Priscillia Ludosky, una venditrice di cosmetici di 32 anni abitante di Savigny-le-Temple (Seine-et-Marne), per chiedere l'abbassamento dei prezzi del carburante. La petizione, lanciata su Change.org, ha riscosso un vero successo, raccogliendo finora l'adesione di 800mila persone. Le prime chiamate 'alle armi' su Facebook risalirebbero invece al 10 ottobre scorso, stando almeno a una nota dei servizi di intelligence consultati da RTL. A guidare la protesta nei fatti sono otto abitanti dell'Île-de-France, cinque uomini e tre donne tra i 27 ei 35 anni, che secondo RTL - che cita la polizia francese - sarebbero persone "con un profilo piuttosto neutrale, che non rivelano alcun impegno militante e nessun legame noto con i gruppi a rischio". 'Amici' su Facebook da molto tempo, i 'vertici' del movimento avrebbero in comune la passione dei raduni automobilistici.

Perché protestano? Al centro della protesta dei gilet gialli, spiega ancora Le Figaro, l'aumento dei prezzi del carburante deciso dal governo francese, con l'abolizione della riduzione delle tasse sul gasolio non stradale e il conseguente aumento di 6,5 centesimi per litro del gasolio e 2,9 centesimi per la benzina a partire dal 1 °gennaio 2019. Tra le altre istanze, inoltre, i pedaggi autostradali, controlli tecnici e potere d'acquisto.

Benzina, in Italia è più cara che in Francia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro benzina, esplode la protesta dei gilet gialli: "In 81mila nelle strade"

Today è in caricamento