rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Mondo Francia

Nizza, così Bouhlel ha compiuto la strage: i particolari dell'attacco

Il procuratore di Parigi, François Molins, ha ricostruito i momenti precedenti alla strage per poi fare il punto sull'attacco lungo la Promenade: "E' arrivato in bici. Poi è salito sul camion parcheggiato"

NIZZA (FRANCIA) - Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l'attentatore che ieri ha ucciso almeno 84 persone a Nizza, era "totalmente sconosciuto ai servizi di intellgence" francesi. Lo ha detto alla stampa il procuratore di Parigi François Molins, aggiungendo che ieri l'uomo ha sparato più volte contro tre poliziotti.

CHI ERA BOUHLEL - Secondo la ricostruzione del procuratore, l'attentatore di Nizza era nato "il 23 gennaio 1985 in Tunisia e viveva a Nizza. Faceva le consegne, era di nazionalità tunisina, sposato e padre di famiglia. Era conosciuto dalle forze dell'ordine per minacce, violenze e furto commessi tra il 2010 e il 2016, ed era stato condannato nel marzo del 2016 a sei mesi di carcere con la condizionale, per atti di violenza commessi nel gennaio 2016. Di fatto era completamente sconosciuto all'intelligence e non aveva mai mostrato segnali di radicalizzazione".

Nizza, le immagini della strage del 14 luglio

L'ATTACCO - Giovedì sera è arrivato da solo in bicicletta, poi trovata sul camion. Il mezzo è stato visto attorno alle 22.30 a Nizza prima che prendesse la Promenade, ha aggiunto il procuratore; era stato noleggiato l'11 luglio e avrebbe dovuto essere riconsegnato il 13 luglio. L'uomo ha percorso circa due chilometri, sparando più volte contro tre poliziotti che hanno cercato di fermarlo nei pressi di un albergo. C'è stato uno scontro a fuoco e il camion ha proseguito per altri 300 metri prima che "l'autista venisse ritrovato morto al suo posto". Oltre alla bicicletta, all'interno del mezzo sono state ritrovate armi automatiche, proiettili e una granata.

IL BLITZ NELL'ABITAZIONE - Le perquisizioni condotte nell'abitazione dell'attentatore (QUI IL VIDEO) hanno portato al sequestro di documenti e materiale informatico su cui sono in corso indagini "per stabilire se ci sono stati complici... o collegamenti con organizzazioni terroristiche". Al momento non sono giunte rivendicazioni, ma secondo Molins, l'attentato corrisponde "esattamente ai continui appello a uccidere dei jihadisti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nizza, così Bouhlel ha compiuto la strage: i particolari dell'attacco

Today è in caricamento