rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Rivolta e scontri / Honduras

Orrore in carcere, almeno 41 morti: "Molte donne carbonizzate"

Scontro tra bande rivali in un carcere femminile 25 km a nord della capitale honduregna Tegucigalpa. Il paese è lacerato dalle violenze

Ecatombe in carcere. Sono almeno 41 le donne morte e numerose quelle rimaste ferite in un carcere femminile 25 km a nord della capitale honduregna Tegucigalpa, al termine di un probabile scontro tra bande rivali. Alcune detenute hanno chiuso quelle della gang avversaria nelle celle, appiccando poi il fuoco. Le vittime farebbero parte della gang del terrore Mara Salvatrucha, il che sembra indicare che l'aggressione è stata compiuta da detenute della banda rivale, Barrio 18.

Almeno 41 morti, molte vittime carbonizzate

Molte le vittime carbonizzate. I funzionari della prigione affermano che l'incendio ha causato la maggior parte dei morti, ma alcune delle vittime sono state uccise. Il vice ministro della sicurezza del paese centroamericano, Julissa Villanueva, ha dichiarato lo stato di emergenza e ha promesso di reprimere la violenza. Ha inoltre autorizzato "l'intervento immediato" di vigili del fuoco, polizia e militari. Non è ancora chiaro se tutti coloro che sono stati uccisi fossero detenuti del carcere, che ospita circa 900 persone.

Delma Ordonez, che rappresenta i familiari dei detenuti, ha detto ai media locali che una parte della prigione è stata "completamente distrutta" dalle violenze. I video pubblicati sui social media mostrano un'enorme nuvola di fumo grigio che si alza dal carcere femminile. La presidente Xiomara Castro, che l'anno scorso ha lanciato un giro di vite contro la violenza delle  gang, ha dichiarato sui social di essere "scioccata" e ha assicurato che saranno avviate indagini per perseguire "tutte quelle persone in carcere che sono in collusione con la criminalità organizzata".

L'Honduras è lacerato dalla violenza

L'Honduras è noto per la corruzione e la violenza delle bande, che si sono infiltrate nelle istituzioni governative e hanno visto salire il tasso di omicidi. Insieme ai vicini di casa El Salvador e Guatemala,  è un'importante via di transito per la cocaina proveniente dal Sud America verso gli Stati Uniti. Ha una storia di drammatiche rivolte carcerarie, spesso legate alla criminalità organizzata. La criminalità organizzata è responsabile di un tasso di omicidi particolarmente elevato, che lo scorso anno è stato di 40 omicidi ogni 100.000 abitanti, quattro volte superiore alla media mondiale, escluse le zone di conflitto. Secondo le autorità, nonostante le misure prese per controllare le 26 carceri del Paese dove sono detenute circa 20.000 persone, i capi delle bande criminali incarcerate continuano a ordinare impunemente crimini e delitti dalle loro celle. La violenza, così come la miseria, spingono migliaia di abitanti a emigrare verso gli Stati Uniti in cerca di una vita migliore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore in carcere, almeno 41 morti: "Molte donne carbonizzate"

Today è in caricamento