rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Vacanza da incubo / Australia

Nave da crociera con 800 passeggeri bloccata per una settimana al largo: tutta colpa delle incrostazioni

Al gigante dei mari è stato negato (per colpa del "fouling" sullo scafo) il permesso di attraccare in diversi porti, provocando l'ira delle persone che speravano in un viaggio memorabile, trasformatosi in una delusione

Centinaia di passeggeri sono rimasti bloccati per oltre sette giorni su una nave da crociera al largo delle coste australiane a causa di incrostazioni sullo scafo definite dagli esperti "potenzialmente pericolose".

Cos'è il fouling sulle navi da crociera

Alla lussuosa Viking Orion con 800 passeggeri a bordo è stato negato il permesso di attraccare in diversi porti provocando l'ira delle persone che speravano in un viaggio memorabile: la nave era diretta da Sydney ad Auckland e poi si sarebbe dovuta fermare in Nuova Zelanda, ma le è stato impedito di entrare prima a Wellington e poi a Christchurch. Una crociera di lusso con tappe da sogno trasformatasi in un lungo viaggio quasi solo per mare, senza poter attraccare in varie località stabilite dal programma originario. Il 90% dei parassiti marini arriva in Nuova Zelanda sulle superfici sommerse delle navi internazionali, e le norme in materia sono molto rigorose anche in Australia.

Il locale dipartimento della pesca ha dichiarato che il biofoul, è "potenzialmente dannoso" e che la nave deve essere ripulita prima di poter attraccare. Il biofoul è un accumulo di microrganismi, piante, alghe e può consentire l'importazione di specie invasive in habitat non autoctoni. Il dipartimento sostiene che lo scafo della nave deve essere ripulita per evitare che "organismi marini dannosi vengano trasportati" nelle acque australiane.

Il termine incrostazione (in inglese fouling) si riferisce al deposito di particolato su superfici o setti di cui compromette la funzionalità. Media internazionali in questo caso hanno riportato, semplificando, che il fouling è un "fungo" sullo scafo. Il fenomeno in realtà può essere dovuto all'accumulo e deposito di organismi viventi, animali e vegetali sia unicellulari sia pluricellulari (bio-incrostazione), o di altre sostanze non-viventi (organiche o inorganiche). In particolare, "incrostazione marina" si riferisce alle incrostazioni che ricoprono la superficie degli oggetti rimasti sommersi in ambiente acqueo e marino, come le carene delle barche, i manufatti in pietra, metallo, legno nonché le strutture in calcestruzzo direttamente bagnate dal mare. L'incrostazione può creare condizioni anaerobiche e rendere possibile l'attacco dei batteri solfato-riduttori o condizioni di aerazione differenziata e quindi di corrosione localizzata. Il fouling è, in sintesi, il tentativo dell'ambiente marino di “appropriarsi” dei corpi estranei, in esso introdotti, creandosi un proprio invitante e disabitato nuovo habitat

"Sommozzatori professionisti sono stati ingaggiati direttamente dalla compagnia per pulire lo scafo mentre si trova ancora fuori dalle acque australiane", afferma il dipartimento. Solo nelle scorse ore si è potuto procedere con l'attracco a Melbourne.

Bloccati dalle incrostazioni: crociera rovinata

I passeggeri a bordo della lussuosa nave da crociera Viking Orion di Viking, tra cui molti americani che avevano volato dall'altra parte del mondo per una vacanza indimenticabile, si sono invece trovati in mare per una settimana, mentre porto dopo porto Nuova Zelanda e poi Australia hanno rifiutato l'attracco della nave da crociera.

La Viking Orion (47.861 tonnellate lorde), varata nel 2018 come quinta nave da crociera della flotta oceanica della compagnia, era partita da Sydney, in Australia, il 22 dicembre per una crociera di due settimane tra Natale e Capodanno tra Australia e Nuova Zelanda. Secondo l'itinerario pubblicato, la nave da crociera ha effettuato due scali nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda a Tauranga e Napier prima che il problema fosse identificato mentre la nave si trovava a Wellington, in Nuova Zelanda, il 26 dicembre. 

I funzionari neozelandesi hanno impedito che la nave da crociera si fermasse a Christchurch e Dunedin. La nave da crociera doveva recarsi a Hobart, in Australia, in Tasmania, ma i funzionari australiani hanno anche deciso di bloccarne l'ingresso. La nave ha così proseguito verso Adelaide, sulla costa meridionale dell'Australia, ma prima di arrivarci alla fine della scorsa settimana, il capitano ha avvisato i passeggeri che la nave sarebbe rimasta al largo per affrontare la disavventura.

L'Australian Fisheries Management Authority (AFMA), un'agenzia governativa responsabile della gestione delle risorse ittiche, compreso il monitoraggio della qualità dell'acqua e dell'industria della pesca commerciale, ha confermato il problema. "La nave è tenuta a sottoporsi alla pulizia dello scafo per rimuovere il biofoul e impedire che organismi marini potenzialmente dannosi vengano trasportati dalla nave", ha dichiarato l'AFMA in una breve dichiarazione.

La crescita marina sarebbe consentita nella maggior parte dei porti marittimi di tutto il mondo, nota il sito di settore The Marine Executive, ma la Nuova Zelanda e l'Australia hanno regolamenti nazionali sul biofouling. Le regole australiane sono nuove e sono appena entrate in vigore nel giugno 2022: richiedono agli operatori di "dimostrare l'attuazione di pratiche di gestione proattiva" per le incrostazioni e le autorità hanno il potere di utilizzare le regole di biosicurezza australiane per ispezionare gli scafi e gestire "inaccettabili rischi di biosicurezza". 

La Viking Orion è così rimasta a circa 17 miglia nautiche al largo della costa di Adelaide, dove venerdì e sabato sono stati portati sommozzatori professionisti per pulire lo scafo. Un portavoce di Viking ha confermato che l'itinerario programmato dovrebbe riprendere nelle prossime ore. La crociera dovrebbe concludersi a Sydney il 4 gennaio.

Il ritorno delle navi da crociera dopo il Covid

I passeggeri sono infuriati per aver perso quattro degli otto porti di scalo programmati per la crociera e di aver invece trascorso una settimana in mare. Secondo quanto riferito, Viking ha rilasciato delle scuse e i passeggeri dovrebbero ricevere almeno il 50% di risarcimento sul prezzo del biglietto. Il lusso e il comfort garantiti a bordo forse avranno stemperato, almeno in parte, la delusione.

La crociera "rovinata" è stata la seconda partita dall'Australia per Viking dopo un'assenza di oltre 1.000 giorni a causa della pausa delle operazioni durante la pandemia e del divieto esteso dell'Australia alle navi da crociera straniere. L'Australia non ne ha permesso il ritorno fino ad aprile 2022, mentre la prima nave da crociera non è arrivata ad Auckland, in Nuova Zelanda, fino ad agosto 2022. Viking Orion ha navigato in Alaska nell'estate del 2022 e ha completato i viaggi attraverso l'Asia prima di tornare a Sydney l'8 dicembre. Aveva effettuato diversi scali sia in Australia che in Nuova Zelanda senza problemi di alcun tipo prima di questa crociera.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nave da crociera con 800 passeggeri bloccata per una settimana al largo: tutta colpa delle incrostazioni

Today è in caricamento