rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
tragico ritrovamento / Regno Unito

Ragazza disabile muore nel suo letto e nessuno se ne accorge per 4 anni

Il corpo della donna, il cui nome era Laura Winham, è stato trovato mummificato. Aveva scritto "ho bisogno di aiuto" sulla sua agenda poco prima di morire

Il corpo mummificato di una donna affetta da schizofrenia è stato trovato in un appartamento del Surrey, in Inghilterra. Secondo gli inquirenti la trentottenne sarebbe deceduta circa quattro anni prima del ritrovamento, senza che nessuno se ne accorgesse. Si ritiene che la donna sia morta nel novembre 2017 e l'orribile scoperta è stata fatta nel maggio 2021 ma solo ora la notizia è stata data dalla stampa britannica.

La donna, il cui nome era Laura Winham, aveva scritto "ho bisogno di aiuto" sulla sua agenda poco prima di morire, ma purtroppo la sua richiesta non era stata ascoltata da nessuno. La sua famiglia chiede ora di sapere come sia stato possibile che i servizi sociali e le équipe sanitarie non abbiano notato i segnali d'allarme e non abbiano fatto nulla per evitare questa tragica situazione.

Winham era nata con la sindrome di Goldenhar, che causa una curvatura della colonna vertebrale. Ha subito un'importante operazione al cuore all'età di 18 anni e ha sofferto di problemi di salute mentale fin dall'adolescenza, tanto da essere stata internata due volte. Nel 2014 è stata sottoposta a un trattamento di salute mentale dopo che il personale della sua associazione immobiliare aveva notato che "non stava bene, era piuttosto magra e aveva detto di non avere amici e di credere che le persone la stessero osservando".

Come riporta il Daily Mail la famiglia si è per anni tenuta lontana da lei perché la sua schizofrenia le aveva fatto credere che le avrebbero fatto del male. "Abbiamo sempre sperato che sarebbe migliorata con l'aiuto di un professionista e che un giorno i nostri contatti sarebbero ripresi", ha raccontato la sorella. "Non abbiamo mai creduto, nemmeno per un secondo, che avremmo finito per trovarla morta sul pavimento, dopo averla tenuta lì per tanto tempo senza che nessuno se ne accorgesse", ha continuato.

Nonostante questi segnali di allarme, i servizi sociali e le équipe sanitarie non hanno fatto nulla per aiutarla. Anzi, nel 2017, gli agenti della polizia del Surrey hanno riferito ai servizi sociali che la donna si era autosospesa e aveva poco cibo, ma gli assistenti sociali non hanno fatto altro che scrivere nel suo appartamento e fornirle i dettagli delle banche alimentari locali e i recapiti dei team di supporto. Dopo mesi di silenzio e di notizie che non arrivavano da nessuna parte su di lei, alla fine suo fratello e sua madre preoccupati hanno chiesto alla polizia di entrare nel suo appartamento a Woking, nel Surrey, dove è stata fatta l'orribile scoperta.

Durante i tre anni e mezzo in cui il suo corpo è rimasto nell'appartamento, non sono stati fatti tentativi per stabilire il suo benessere, nonostante l'interruzione dei sussidi di invalidità e il taglio del gas, e la sua ripetuta incapacità di rispondere a lettere, telefonate e messaggi, o di aprire la porta. La famiglia della vittima, che ha perso una sorella e una figlia, si aspetta ora che venga fatta giustizia e che si indaghino le cause di questa tragica vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza disabile muore nel suo letto e nessuno se ne accorge per 4 anni

Today è in caricamento