rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cibi pericolosi / Corea del Sud

Mangia un polpo ancora vivo e muore soffocato da un tentacolo

Le ventose si erano "incollate" alla gola portando al soffocamento per il blocco delle vie respiratorie

Un uomo di 82 anni in Corea del Sud è morto soffocato da un tentacolo di polpo che aveva mangiato vivo. Si trattava infatti dello san-nakji, una prelibatezza locale ma classificato al primo posto tra gli alimenti più pericolosi al mondo. I giornali locali riportano diversi casi di decessi per aver mangiato polipi vivi i cui tentacoli dimenandosi restano incastrati con le ventose nella gola portando al soffocamento per il blocco delle vie respiratorie.

"Se metti in bocca tutta la testa e le lunghe gambe, le mastichi grossolanamente e poi le ingoi, le ventose bloccheranno le vie respiratorie, causando difficoltà respiratorie" chiariscono i media locali spiegando che non c'è possibilità di soccorso in questi casi. "L'unico modo sicuro di mangiare il polpo vivo è tagliarlo a pezzetti o masticare accuratamente".

L'ultimo caso è avvenuto lunedì mattina a Gwangju, una città vicino alla punta meridionale della Corea del Sud, dove i vigili del fuoco sono intervenuti per soccorrere l'anziano rimasto soffocato da un pezzo di san-nakji.

Nelle zone costiere della Corea del Sud viene anche servita una variante in cui il polpo viene ucciso prima di essere servito e sporzionato. Ma è talmente fresco che i nervi dei tentacoli sono ancora attivi, tanto da far sembrare il polpo "vivo" mentre continua a muoversi sul piatto. Il san-nakji viene spesso servito con olio di sesamo, semi di sesamo e talvolta zenzero e ha una consistenza gommosa.

Ai commensali viene solitamente consigliato di tagliare i tentacoli in pezzi molto piccoli e masticarli a lungo prima di ingoiarli.

Segui Today anche sul nuovo canale WhatsApp

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mangia un polpo ancora vivo e muore soffocato da un tentacolo

Today è in caricamento