Venerdì, 5 Marzo 2021

Così lo smartphone combatte il traffico e le code: comunicherà con semafori e cartelli stradali

Il nuovo sistema inglese testerà il "valore" dello smartphone a York

La connettività degli smartphone per combattere la congestione urbana. Un sogno? Non più. O meglio, non più in Gran Bretagna, dove è diventata l'ultima soluzione da sperimentare per sconfiggere il nemico numero uno degli automobilisti: il traffico. Il progetto che partirà tra pochi gironi a York prevederà un investimento di oltre 3 milioni di sterline da parte del Governo inglese.

Come funziona il sistema sperimentale a York

Dall’installazione di nuovi sensori su semafori, segnali stradali e altre infrastrutture, si rileveranno i segnali lanciati dagli smartphone degli automobilisti - ad esempio la ricerca Wi-fi o Bluetooth – e si raccoglieranno dati. Dati a cui si uniranno ovviamente anche quelli delle “auto 4.0” già dotate di sistemi di connettività in attesa dell’automatizzazione della guida. L’elaborazione di tutti i segnali sarà utile alle autorità che potranno migliorare i flussi regolando la luce dei semafori, ma anche agli automobilsiti che riceveranno aggiornamenti sul traffico in modo tale da scegliere sempre strade libere dal caos.

Costi e problemi

L'attuazione prevede una prima fase in cui si svilupperà il sistema di sensori su una strada pilota, la A59 (450.000 sterline), successivamente gli aggiornamenti tecnologici coinvolgeranno tutta la città di York per una spesa ulteriore di 2,85 milioni di sterline provenienti da un fondo governativo: totale 3,3 milioni. Costi a parte, il problema al momento sembra essere quello della privacy: secondo i tecnici, i codici legati alla propria auto o al proprio smartphone cambiarebbero ogni giorno, così da non essere identificati, ma il fatto che l’unico modo per esimersi dal programma sia disattivare la propria connessione dati non sembra però accontentare tutti. Il Governo del Regno Unito assicura che "i dati saranno archiviati in una nuvola protetta soggetta ai principi di sicurezza” e “i sistemi sono pienamente conformi alle normative sulla protezione dati".

I vantaggi per la circolazione

York già dispone di un sistema di connessione a banda larga: questo passo avanti potrebbe renderla una delle città più avanzate del paese, diventando banco di prova per la guida autonoma futura. Si capirà esattamente il flusso, l’orario e le tendenze della circolazione, utilizzando i dati anche per riprogettare gli incroci e migliorare le strade, eliminando o riqualificando inaspettati quartieri urbani.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Così lo smartphone combatte il traffico e le code: comunicherà con semafori e cartelli stradali

Today è in caricamento