Martedì, 2 Marzo 2021

"C'è un rischio lockdown e chiusure al Sud"

Arnaldo Caruso, professore ordinario e presidente della Società italiana di virologia, lancia l'allarme: "Bisogna limitare la vita sociale al necessario e avere cura dei più deboli"

Arnaldo Caruso, professore ordinario e presidente della Società italiana di virologia, in un'intervista rilasciata oggi a La Stampa dice di essere preparato a un ulteriore aumento dei contagi, chiede di chiudere i piccoli locali e lancia un allarme sul Sud: «I contagi crescono in modo lento, ma progressivo. Non c’è la gravità del passato perché l’età media dei malati è più bassa, però quando il virus colpisce persone fragili e anziane fa ancora male. Da cui il recente aumento di ricoverati in terapia intensiva e di morti».

Ci aspetta un inverno di grande cautela?
«Se la curva continua così, senza arrivare ai numeri francesi, il sistema sanitario può reggere. Per questo bisogna stare tutti molto attenti in questa fase, limitare la vita sociale al necessario e avere cura dei soggetti deboli».

C’è molta differenza tra Nord e Sud?
«Al Sud il virus ha circolato poco in passato, ci sono le praterie, molti anziani e un sistema sanitario debole: esiste un vero rischio lockdown, in particolare in Campania. Al Nord non si può certo parlare di immunità di gregge, ma al momento c’è più resistenza».

Arriveremo ai numeri francesi?
«È possibile, perché il virus sta dimostrando la sua stagionalità con un picco che potrebbe andare da novembre a marzo come l’anno scorso. Bisogna prepararsi altrimenti le disattenzioni si pagano».

Cosa significa?
«Che la diffusione per via aerea è difficilmente controllabile e la vita al chiuso, indeboliti dal freddo, non può che peggiorare la situazione.Basta togliere la mascherina, avvicinarsi troppo o incontrare un superdiffusore. Fortunatamente nel 90 per cento dei casiil virus non dà problemi gravi. La preoccupazione è per i soggetti fragili».

In pratica, come bisogna vivere in casa?
«A distanza e cambiando spesso l’aria,con molta attenzione verso gli over 65: proteggendo loro riduciamo i ricoveri gravi».

Quattro scenari per la seconda ondata in Italia: cosa dobbiamo aspettarci

Fonte: La Stampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"C'è un rischio lockdown e chiusure al Sud"

Today è in caricamento