rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023

Svezia, chip sottopelle per 150 lavoratori: addio a carte e badge

L'applicazione è su base volontaria e non ha alcun influsso sulla carriera: con il chip si può timbrare il cartellino, aprire le porte, azionare stampanti e scanner, pagare la spesa avvicinando la mano a un lettore

In Svezia 150 lavoratori della Epicenter hanno scelto di farsi impiantare un chip sottopelle che funziona come un badge e consente di interagire con le macchine dell'azienda.

Il chip di basa su una tecnologia Rfid (acronimo inglese per Radio Frequency Indentification, ossia l'identificazione automatica mediante radiofrequenza), è grande quanto un chicco di riso e viene installato tra indice e pollice tramite una siringa, con un intervento assolutamente indolore. Con il chip, definito biologicamente sicuro, si può timbrare il cartellino, aprire le porte, azionare stampanti e scanner, pagare la spesa avvicinando la mano a un lettore, come ricostruisce Repubblica

L'applicazione è su base volontaria e accettare o rifiutare l'iniezione non ha alcun influsso sulla carriera. Finora non sono emersi timori per la violazione della privacy, grazie soprattutto alle severe leggi svedesi in merito.
 

Fonte: La Repubblica →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svezia, chip sottopelle per 150 lavoratori: addio a carte e badge

Today è in caricamento