Mercoledì, 2 Dicembre 2020
Napoli

Situazione esplosiva a Napoli, De Magistris: "Qui i soldi sono finiti"

Il sindaco partenopeo attacca la Regione Campania. "Il decantato Modello Campania che ha fatto vincere a De Luca le elezioni, non c'è"

"Qui siamo seduti non sotto un vulcano, ma sopra. La città è una polveriera e temo che a Roma non ne siano consapevoli. Ho scritto a Conte. Gli ho spiegato che abbiamo bisogno di fondi. Occorre un'ordinanza di Protezione civile che stanzi dei soldi, e che poi il sindaco, l'unico a conoscere da vicino la realtà cittadina, li distribuisca". Lo afferma in un colloquio con La Stampa, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

"Napoli - prosegue il primo cittadino - è una città anarchica con una sua resilienza. Qui c'è una economia informale che negli ultimi anni era cresciuta e si era rinforzata grazie al turismo. Questi mesi l'hanno fiaccata. La gente non ha più fieno in cascina e s'incazza se adesso non arrivano aiuti concreti. Ecco perché la gente è sconcertata: sanno che la situazione degli ospedali è drammatica; siamo una città dove tutti sanno tutto. E perciò sono seriamente preoccupato, ma anche in tensione per il futuro".

"Dobbiamo evitare che dopo la pandemia sanitaria si cada in una pandemia sociale ed economica, che poi, qui come altrove, potrebbe diventare anche pandemia criminale".

Quanto alla sanità de Magistris attacca la Regione Campania. "Il decantato Modello Campania che ha fatto vincere a De Luca le elezioni, non c'è. E ora che al ministro della Salute sono arrivati i dati veri, non quelli dei bollettini regionali, si è deciso quel che si doveva decidere".

Io sono stato per la linea della prevenzione del Covid. Il governo ha scelto la linea sbagliata della rincorsa al Covid. Quando io chiudevo le scuole, la ministra Azzolina e il premier mi hanno attaccato, per poi fare un mese dopo quello che avevamo fatto già in Campania. Abbiamo avuto un calvario di ordinanze e di decreti che hanno creato una situazione caotica. È stato un errore grave dividere l'Italia in zone, sia dal punto di vista del contrasto al Covid, che dal punto di vista politico e sociale. Si sono alimentati conflitti e divisioni fra territori e categorie sociali".

Dal canto suo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in un'intervista al quotidiano 'Libero' accusa il governo e le scelte di dividere l'Italia in zone: "Non si è definito, e ancora oggi manca, un piano di mobilitazione eccezionale di impegno anti Covid e di coinvolgimento organico di decine di migliaia di agenti delle forze dell'ordine, dell'esercito, delle polizie municipali. Il territorio è rimasto senza controllo. Le ordinanze cadevano nel vuoto".

La Campania si risveglia zona rossa: tutte le regole da seguire 

Fonte: lastampa.it →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Situazione esplosiva a Napoli, De Magistris: "Qui i soldi sono finiti"

Today è in caricamento