Elezioni, caos a Palermo: 200mila schede da ristampare

In oltre 200 sezioni dei quartieri Uditore, Passo di Rigano e nel centro storico sono state consegnate le schede per il Senato del collegio uninominale "Palermo 2", anziché quelle del collegio "Palermo 1". Il caso sollevato da Forza Italia. La prefettura: "Errore nella collocazione di alcune sezioni. Disposta la ristampa"

Foto di repertorio

A poche ore dal voto per le elezioni politiche è scoppiato il caos a Palermo, dove c'è stato bisogno di ristampare in extremis circa 200mila schede elettorali. Il problema ha riguardato alcune sezioni dei quartieri Uditore, Passo di Rigano e nel centro storico in cui sono state consegnate delle schede sbagliate ai presidenti di seggio. In sostanza, in oltre duecento sezioni, sono pervenute le schede per il Senato del collegio uninominale "Palermo 2" (Palermo-Settecannoli, Bagheria), anziché quelle del collegio "Palermo 1" (Palermo-Resuttana-San Lorenzo, Palermo-Libertà).

Come scrive Daniele Ditta su PalermoToday, l'errore sarebbe stato rilevato nell'accorpamento del collegio Palermo-Libertà a quello di Palermo-Settecannoli, Bagheria. Insomma, questione di "confini". Così, al termine di un vertice tra Prefettura e Comune (al quale hanno partecipato l'assessore al ramo Gaspare Nicotri e un gruppo di dirigenti di Palazzo delle Aquile), è stato deciso di ristampare circa 200mila schede elettorali.

Elezioni, come si vota il 4 marzo 2018: il fac simile della scheda elettorale

A sollevare il caso rappresentanti di lista e candidati. Su tutti Giulio Tantillo (Forza Italia), candidato al Senato nel collegio uninominale "Palermo 1". Che, al posto del suo nome, si è ritrovato nella scheda quello di Ester Bonafede, candidata invece dal centrodestra nel collegio "Palermo 2". L'errore riguardava anche gli altri candidati: tra questi il presidente del Senato, Pietro Grasso (Liberi e Uguali). Il caso è pure approdato al Viminale, dopo le segnalazioni dei big nazionali di Forza Italia.

Elezioni, tutti i candidati alle politiche 2018

Un pasticcio risolto però sul filo di lana dalla Prefettura che, dopo la verifica dei "confini" dei collegi individuati nella nuova legge elettorale, attraverso un comunicato ufficiale chiarisce la vicenda: "Nel pomeriggio di ieri, a seguito di un’attenta verifica della distribuzione delle schede elettorali in diversi seggi della città di Palermo, si è riscontrata una difforme collocazione di talune sezioni elettorali nell’ambito dei collegi senatoriali. Pertanto, previa conferma dei dati sezionali corretti da parte del Comune, il Prefetto ha disposto l’immediata ristampa delle schede per garantire la regolarità del voto. Il Comune di Palermo assicurerà la tempestiva distribuzione delle schede elettorali prima dell’apertura dei seggi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: PalermoToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento