Martedì, 26 Ottobre 2021
Tecnologie

Matera punta a diventare "Capitale delle tecnologie emergenti"

Nel 2019 lo è stata per la Cultura, ora l'ambizione di fare da traino per tutto il mezzogiorno dell'Italia

Nel 2019 è stata Capitale europea della Cuultura, ora Matera si candida seriamente a diventare la "Capitale delle tecnologie emergenti". A riferirlo è stato il vicesindaco della città e assessore all'Innovazione, Alberto Acito, intervenendo all'incontro "From data to value" nei giorni scorsi.

Tecnologie emergenti a Matera

Insieme a Torino, Roma, Bari, Prato e L'Aquila, Matera è una delle sei città scelte dal Ministero dello Sviluppo economico per ospitare le "Case delle tecnologie emergenti".

L'obiettivo dell'amministrazione è quella di rendere la città punto di riferimento per tutto il Mezzogiorno, in collaborazione con l'Università della Basilicata, il Politecnico di Bari e il Cnr. "Il nostro obiettivo principale - ha aggiunto Acito - è quello di aiutare i nostri giovani a rimanere qui e di essere sempre più attrattivi per le imprese". In particolare, con la Casa delle tecnologie emergenti, Matera "si rivolge alla filiera delle industrie culturali e creative e della gestione del patrimonio culturale, senza mai dimenticare - ha concluso il vicensindaco - un turismo sempre più sostenibile anche grazie alla possibilità di mettere a disposizione dei nostri concittadini e dei visitatori servizi digitali all'avanguardia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matera punta a diventare "Capitale delle tecnologie emergenti"

Today è in caricamento