rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Tv News

C'è Posta per Te, Mariagrazia e Raffaella incontrano il padre dopo 50 anni: "Niente abbracci, solo una stretta di mano"

Le due donne sono molto arrabbiate con l'uomo che le ha messe al mondo e abbandonate appena nate: cosa è successo

Nel video in alto, Mariagrazia e Raffaella incontra il padre

Durante la puntata di sabato 24 febbraio a C'è Posta per Te, il programma condotto da Maria De Filippi su Canale 5, Mariagrazia e Raffaella affermano di voler conoscere il padre biologico, Renato, sparito per 50 anni dalla loro vita, poco dopo la nascita delle due donne (50 e 51 anni). L'ultima volta che l'uomo vede la loro mamma è in ospedale, quando lei gli dice che il secondogenito è un'altra bambina. Qualche anno dopo la madre incontra Giuseppe che fa da padre a Mariagrazia e Raffaella e le accompagna anche all'altare. Del padre hanno solo una fotografia di quando erano piccole, ma ora vogliono delle risposte.

L'emozionante incontro

Arrivato in studio, l'uomo si ritrova davanti due donne sconosciute, ma dal movimento del capo sembra aver capito chi siano e sceglie di cedere la parola alle dirette interessate: "Buonasera signor Renato, immagino che lei non abbia assolutamente idea di chi sono io e la persona al mio fianco", dice Mariagrazia. Lui dice di poter immaginare chi siano, ma di non averne la certezza, e quest'ultima, dopo avergli detto il suo nome, aggiunge: "Porto il suo cognome da sempre. Sono passati 50 anni e non sappiamo nulla di lei. Sono qui per chiudere un cerchio. Guardo C'è Posta per te da sempre: mi aspettavo che un postino arrivasse a casa mia, ma non è mai accaduto. Avrebbe dovuto mandare lei una busta a me. le chiedo gentilmente di non scappare via, come ha fatto in passato. Grazie". È la volta di Raffaella: "Quando sono nata lei è venuto in clinica. Mia madre le ha detto che ero una femmina e lei ha esclamato: "Ah, un'altra femmina" e poi se ne è andato. Da allora non so più nulla di lei. Io sono molto arrabbiata, noi ci sentiamo figlie abbandonate". 

Iniziano le domande di Mariagrazia e Raffaella e scopriamo che l'uomo non ricorda bene il giorno del loro compleanno (solo l'anno di nascita) e poi ammette di aver immaginato che potessero essere loro le mittenti della posta, perché "nessun altro poteva" cercarlo. Poi una delle domande più importanti: "Si è mai chiesto come siamo cresciute io e Raffaella? Se stavamo male, se eravamo insieme..." Renato, dopo aver visto alcune foto di quando le due figlie erano piccole, risponde: "Non le ho mai viste... Non sapevo nulla di loro. Nel '71 io avevo 20 anni, ero uno scapestrato... È vero, io andavo dietro a molte donne anche quando ero sposato con loro madre ed è per questo che è successo un casino. Suo padre voleva che tornasse a vivere con lui, ma io ho un'altra storia da raccontare, il mio pensiero, anche dopo mezzo secolo, sull'abbandono. Io lavoravo, avevo un buon salario e per la separazione mi avevano chiesto più della metà dei soldi per gli alimenti. La cosa più brutta è accaduta quando vostro nonno e uno dei suoi figli, vedendomi a braccetto con un'altra donna, mi hanno raggiunto correndo, non sapevo se avessero un coltello. Da lì in poi ho avuto paura. Prima sono sceso a Lecce dai miei genitori e poi mi sono trasferito in Svizzera per fare calmare le acque".  

Una stretta di mano

Mariagrazia gli fa notare: "Sono passati 50 anni, questo evento non la giustifica". Lui concorda e poi dichiara di aver provato a chiamare loro madre 15/20 anni fa, ma quest'ultima gli aveva chiuso il telefono in faccia: "Ho tentato per tre o quattro volte con lo stesso risultato". Le due donne non gli credono, in particolar modo quando Renato dice di aver tentato di recuperare i loro contatti una decina di anni addietro. "Pensavo che vostra madre avesse qualcuno che vi facesse da padre e avevo paura di contattarvi, ma nel mio cuore c'eravate sempre", aggiunge l'uomo. A quest'ultimo Maria fa vedere delle foto delle nipoti e del compagno della sua ex moglie, Giuseppe. Raffaella parla di quest'ultimo: "Lui si è preso cura di noi, non ci ha fatto mancare nulla. Nemmeno i nostri nonni e gli zii. Lei ha avuto figli?" Lui dichiara di avere 4 figli (da due donne diverse) e Raffaella dice: "Ci ha tolto anche la possibilità di conoscerli". Mariagrazia lo gela: "Noi siamo state completamente abbandonate. Come si sente ad aver cresciuto quattro figli quando sapeva di averne altri due?" Renato tentenna: "È una lunga storia, perché sono due figli di una donna e due di un'altra. Io ora vivo con un'amica da 13 anni, sono solo, e la mia ultima compagna è morta qualche giorno fa, a 61 anni..." Scopriamo inoltre che gli altri figli del padre sanno dell'esistenza delle due donne e ogni tanto gli domandavano se avesse novità su Raffaella e sua sorella. Inizia un lungo dialogo sul fatto che ora esistono i social e non è così difficile contattare le persone, con Mariagrazia che sbotta: "È contro natura, dovrebbe essere il padre a cercare i propri figli". 

Maria De Filippi cerca di aiutare le due donne a compiere una scelta, facendogli capire il suo pensiero al riguardo: "Lui vuole farvi chiudere questo cerchio, avrebbe potuto rifiutare l’invito e scappare, come accaduto tante volte, ma ha voluto esserci per aiutarvi a trovare delle risposte". Mariagrazia e Raffaella ne sono consapevoli e decidono di togliere la busta, ma a una condizione: "Niente abbracci, solo una stretta di mano". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è Posta per Te, Mariagrazia e Raffaella incontrano il padre dopo 50 anni: "Niente abbracci, solo una stretta di mano"

Today è in caricamento