rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Battaglia legale

Due donne lesbiche fanno causa al comune perché non riconosciute come madri

La coppia si è rivolta all'associazione 'Luca Coscioni', che si occupa della difesa delle libertà civili

Due mamme, due gemelline e la miopia burocratica. Bastano questi elementi per dare il via a una battaglia legale perché venga riconosciuta anche sui documenti quella che è già una realtà: una nuova famiglia. Una coppia di donne lesbiche ha fatto causa all'amministrazione comunale perché non le ha riconosciute come mamme e adesso spetterà al Tribunale di Torino decidere.

La coppia arcobaleno, madri di due gemelline, nate con fecondazione eterologa praticata all'estero, hanno dato vita a una battaglia legale (a cui la prima udienza si è svolta lo scorso 23 gennaio), in quanto il Comune di Trofarello, nell'hinterland torinese, ha negato l'iscrizione all'anagrafe delle due sorelline come figlie di entrambe le donne. Quella portata avanti dalle due genitrici è un’azione legale pilota che va a cercare una conferma in sede di tribunale di ciò che legalmente al momento ancora non c'è.

A segnalare l'episodio è il quotidiano La Repubblica che racconta come la coppia si sia rivolta all'associazione 'Luca Coscioni'. L'organizzazione che si occupa della difesa delle libertà civili ha messo a disposizione, per una delle prime cause in Italia sull'argomento, un pool di avvocati formato da Filomena Gallo, Angioletto Calandrini, Massimo Clara e Edoardo Carmagnola.

Il caso solleva diversi interrogativi, ma nessun commento sulla vicenda è arrivato dal sindaco Stefano Napoletano, mentre l'assessora alle Politiche sociali, Emilia Tiso, raggiunta telefonicamente dall'Ansa, spiega che la decisione del Comune "non è assolutamente ideologica". "È lo Stato che deve decidere e non spetta ai Comuni essere arbitri della questione - afferma - Non possiamo iscrivere entrambe le mamme perché la legge non lo permette. Sicuramente la strada diversa dalla norma è una strada che fa percorsa - conclude l'assessora Tiso - ma adesso la legge non lo consente". La palla passa quindi al governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due donne lesbiche fanno causa al comune perché non riconosciute come madri

Today è in caricamento