rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Barbarie / Emirati Arabi Uniti

Gatti abbandonati nel deserto, l'orrore: "In centinaia morti di fame e sete"

La denuncia dell'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa): "Gli animali hanno dovuto sopportare una sofferenza prolungata e inaccettabile". La vicenda

Circa 200 gatti, oltre ad alcuni cani, sono stati abbandonati nel deserto di Abu Dhabi nella zona di Al Fahal, a pochi chilometri dall'Abu Dhabi Falcon Hospital, struttura governativa che si occupa anche di programmi di sterilizzazione dei randagi. Lo ha scoperto e denunciato l'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che ha appena inviato un'istanza urgente allo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan, presidente degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Abu Dhabi. Il numero delle vittime non è definitivo.

La denuncia e le testimonianze

La denuncia è arrivata a Oipa International da attivisti locali, che fanno capo all'associazione, testimoni di questo terribile atto di crudeltà che ha condannato a morte tra atroci sofferenze animali innocenti, alcuni dei quali ancora rinchiusi in trasportini di metallo, tutti scaricati a morire sotto il sole cocente, senza acqua, né cibo né riparo.

Negli Emirati vengono attuati "programmi di sterilizzazione e rilascio" gestiti in ciascuna municipalità da aziende definite "di disinfestazione", autorizzate e scelte dalla stessa municipalità, ditte che rastrellano randagi, ma anche cani e gatti di proprietà vaganti, per sterilizzarli e reimmetterli nel territorio. Ma questo protocollo, evidentemente, non è seguito da chi ha condannato alla sofferenza e alla morte centinaia di animali.

"Al momento 96 i gatti e un cane sono stati recuperati ancora vivi, ma in pessime condizioni", racconta Valentina Bagnato, responsabile Relazioni internazionali dell'Oipa. "Gli animali hanno dovuto sopportare una sofferenza prolungata e inaccettabile e, a rendere ancor più sconcertante e incomprensibile quanto successo, gli animali, sia i vivi che i morti, erano microchippati e sterilizzati, alcuni con i punti di sutura dell'intervento di sterilizzazione".

Quel che è successo non è un episodio isolato, ma che vi sono prove dell'esistenza di diverse discariche, alcuni attivi da almeno un paio d'anni, Ad Abu Dhabi e in altre parti degli Emirati Arabi, compresa Dubai, denuncia Oipa International.

Attenzione: il filmato contiene dei contenuti non adatti agli utenti più sensibili.

Nella lettera allo sceicco, l'Oipa esprime apprezzamento per la condanna del gesto e l'apertura delle indagini da parte del Dipartimento dei Comuni e dei Trasporti di Abu Dhabi, ma gli chiede soprattutto di assicurarsi che vengano prese tutte le misure necessarie affinché siano trovati e puniti i colpevoli.

"Abbiamo inoltre chiesto a Mohamed bin Zayed Al Nahyan di supervisionare e rivedere radicalmente la legislazione riguardante il benessere animale negli Emirati Arabi Uniti nell'ottica di una gestione etica del randagismo", aggiunge Valentina Bagnato. "In passato ci è stato più volte ribadito che due leggi riguardanti il benessere degli animali non sono state ancora promulgate, quindi non possono essere utilizzate dalla magistratura o dalle forze dell'ordine".

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gatti abbandonati nel deserto, l'orrore: "In centinaia morti di fame e sete"

Today è in caricamento