rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Insegnamenti / Stati Uniti d'America

Vive con vermi nel cervello, scambiati per emicrania: aveva mangiato pancetta poco cotta

Com'è stato possibile? La risposta nella tac fatta al paziente: la causa del problema era in cucina

Aveva mal di testa da mesi che non si risolvevano con i normali analgesici. Quando hanno scoperto la causa, non era tra le solite. Il protagonista della storia, riportata dall'American journal of case reports, è un uomo di 52 anni degli Stati Uniti, in Florida. Inizialmente è andato dal medico di base perché le sue emicranie erano improvvisamente peggiorate negli ultimi quattro mesi. Si verificavano quasi settimanalmente, erano molto dolorose e non rispondevano ai farmaci per l'emicrania. Una tac ha svelato il perché.

La Tac e le larve nel cervello: com'è stato possibile

Vista la persistenza dei sintomi, il medico ha prescritto una Tac al cervello. L'esame ha mostrato varie cisti ripiene di liquido. Sospettando che l'uomo potesse avere una rara condizione neurologica chiamata "cisti neurogliali congenite", i medici lo hanno ricoverato in un ospedale di Orlando per un consulto di neurochirurgico.

Altri esami di laboratorio e strumentali hanno svelato la causa del problema: le cisti erano larve parassite di tenia che si erano insediate nel cervello dell'uomo e avevano causato un'infezione chiamata "neurocisticercosi".

In questo caso, l'uomo non presentava fattori di rischio tipici: non era stato in zone ad alto rischio e non aveva avuto contatti stretti con maiali né viveva in una zona con scarse condizioni igienico-sanitarie. Ma poi ha fatto un'ammissione illuminante per i medici. 

La carne di maiale poco cotta: le conseguenze e lo sviluppo dei vermi

Il 52enne ha ammesso di aver mangiato "pancetta leggermente cotta e non croccante per gran parte della sua vita". Per i ricercatori questa è stata la causa scatenante, molto probabilmente tramite "autoinfezione". L'uomo potrebbe aver contratto una taenia intestinale, chiamata taeniasi, mangiando pancetta poco cotta che conteneva cisti larvali e poi, dopo un improprio lavaggio delle mani, mangiato le uova di tenia che aveva espulso con le feci, provocando neurocisticercosi.

Foto del ciclo della Tenia solum, come passa dagli animali all'uomo: cosa è la cisticercosi, sintomi e come si contrae

"Si può solo ipotizzare, ma data la predilezione del nostro paziente per la carne di maiale poco cotta e la storia di esposizione benigna, riteniamo che la sua cisticercosi sia stata trasmessa tramite autoinfezione dopo un lavaggio improprio delle mani dopo che lui stesso aveva contratto la taeniasi a causa delle sue abitudini alimentari", si legge nel paper.

L'uomo è stato curato con steroidi e agenti antiparassitari. Secondo il rapporto, i suoi mal di testa sono migliorati e le cisti nel suo cervello si sono ridotte.

Che cosa è la cisticercosi e come si contrae l'infezione da Teniae

La cisticercosi è un'infezione parassitaria dei tessuti che si verifica quando una persona ingerisce uova di tenia dalle feci di una persona affetta da tenia intestinale. Secondo la Treccani, le uova della tenia diventano poi cisti larvali che possono svilupparsi in un organo, oppure diffondersi in tutto il corpo, con diverse migliaia d'esemplari.

Le sedi predilette sono il bulbo oculare e il cervello. In certi casi il cisticerco può presentarsi come una vescicola allungata di forma bizzarra, con strozzamenti e ramificazioni multiple, ma l'annidamento si può verificare anche in fegato, milza, pelle, muscoli, polmoni, ghiandole linfatiche e anche nel cuore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vive con vermi nel cervello, scambiati per emicrania: aveva mangiato pancetta poco cotta

Today è in caricamento