rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Milano

L'agente immobiliare che narcotizza una coppia e violenta la donna: "Tutto ripreso dalle telecamere"

Arrestato un 48enne con precedenti analoghi. L'appello dei carabinieri per trovare altre eventuali vittime

L'appuntamento per la compravendita di un box, un farmaco a base di benzodiazepine somministrato di nascosto con una siringa in un drink e poi la violenza sessuale, secondo le accuse. Pesantissime. Nei guai è finito un agente immobiliare 48enne di via Montenapoleone a Milano. Venerdì 5 novembre i carabinieri della compagnia di Corsico lo hanno arrestato per i reati di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate.

Droga una coppia e violenta la donna: arrestato agente immobiliare

A dare il là all'apertura del fascicolo d'indagine è stata la denuncia presentata da una giovane coppia il 4 ottobre scorso, presso una stazione dei carabinieri. I due hanno riferito ai militari che la mattina del 2 ottobre, dopo aver consumato un drink nel corso di un appuntamento di lavoro con l'agente immobiliare, avevano accusato un malore con forte stato di alterazione psico-fisica. Nella circostanza - si discuteva la compravendita di un box - la coppia aveva portato la figlia di pochi mesi. E, nonostante questo, l'uomo secondo la denuncia aveva stuprato la donna.

L'uomo avrebbe tenuto "sotto sequestro la famiglia per 8 ore", scrive chi indaga. Gli abusi commessi sarebbero stati anche ripresi dalle telecamere di sorveglianza collocate nell'appartamento, dove i due avevano invitato l'agente immobiliare per la vendita del box. Il 48enne, interrogato dal gip Stefania Pepe, ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere.

La perquisizione domiciliare eseguita, dopo qualche giorno, presso l'abitazione dell'indagato, aveva permesso di rinvenire tracce del medicinale "lormetazepam", ansiolitico della famiglia delle benzodiazepine, col quale la coppia era stata narcotizzata. Gli ulteriori approfondimenti, realizzati con il supporto del Nucleo investigativo di Milano, hanno consentito di accertare che quel giorno il 48enne era riuscito a inserire nei bicchieri delle vittime, mediante una siringa, un'elevata dose di benzodiazepine, tale da provocare un avvelenamento.

I carabinieri hanno esaminato anche i tabulati telefonici e i dispositivi elettronici utilizzati dall'indagato, ascoltato numerose testimonianze e analizzato le immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza. Secondo quanto emerso, già nel 2008 l'uomo era stato condannato per il reato di violenza sessuale, commesso nella provincia di Monza e Brianza, con un modus operandi analogo, ed era stato poi riabilitato dal tribunale dopo aver scontato la pena e aver seguito un percorso rieducativo. Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare le altre donne che, in passato, abbiano potuto subire analoghi abusi sessuali da parte dell'agente immobiliare con lo stesso modus operandi, come le indagini lasciano intendere, secondo quanto comunicato dai carabinieri. A tal fine, si invitano coloro che abbiano incontrato l'agente immobiliare, accusando successivamente uno stato d'incoscienza, a contattare immediatamente i carabinieri della compagnia di Corsico, in via Repubblica dell'Ossola n. 1.

Il mandato d'arresto nei confronti del 48enne è stato emesso dal gip presso il tribunale di Milano. L'attività d'indagine, comunicata alla stampa solo lunedì 8 novembre, è stata coordinata dal dipartimento "Tutela della famiglia, dei minori e di altri soggetti deboli" della procura della Repubblica di Milano, procuratore aggiunto Letizia Mannella e sostituto Alessia Menegazzo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'agente immobiliare che narcotizza una coppia e violenta la donna: "Tutto ripreso dalle telecamere"

Today è in caricamento