rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
CRONACA / Roma

Porto di Fiumicino, in manette Bellavista Caltagirone: accusa di frode

Il fermo operato dalla Guardia di Finanza. Diverse le accuse nei confronti dell'imprenditore. L'area è stata sequestrata lo scorso novembre per carenze strutturali e problemi di stabilità e sicurezza

ROMA - Il costruttore Francesco Bellavista Caltagirone è stato arrestato dalla guardia di finanza di Roma per l'indagine relativa al porto di Fiumicino.

Già iscritto diversi mesi fa sul registro degli indagati, le accuse nei suoi confronti sono di frode in pubbliche forniture, appropriazione indebita e trasferimento fraudolento di denaro a terzi.

La misura restrittiva è stata firmata dal Gip di Civitavecchia Chiara Gallo su richiesta del pm Lorenzo del Giudice. Nel novembre dello scorso anno l'area del nuovo porto turistico di Fiumicino fu sequestrata dalla Guardia di Finanza per carenze strutturali, problemi di stabilità e sicurezza dell'intera opera.

Oltre a Francesco Bellavista Caltagirone, il Gip del tribunale di Civitavecchia ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Emanuele Giovagnoli, legale rappresentante di alcune società che, secondo le indagini della Guardia di Finanza, sarebbero riconducibili a Bellavista Caltagirone.

Secondo l'accusa, Caltagirone avrebbe distratto almeno 35 milioni dalla società Acqua Marcia. (da RomaToday)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto di Fiumicino, in manette Bellavista Caltagirone: accusa di frode

Today è in caricamento