Venerdì, 26 Febbraio 2021
Milano

L'odioso sfregio agli eroi della lotta al Covid

Un blitz vandalico nella notte a Quarto Oggiaro ha cancellato l'opera di Cosimo Caiffa "Cheone" che il quartiere aveva voluto dedicare ai medici e agli infermieri dell'ospedale Sacco di Milano

Uno sfregio. Un gesto idiota. Un silenzioso insulto a chi ha lottato mettendo a rischio la sua stessa vita in tutti questi mesi di epidemia. Blitz dei vandali nella notte a Quarto Oggiaro (Milano) dove è stato praticamente cancellato il murales che il quartiere aveva voluto dedicare ai medici e agli infermieri dell'ospedale Sacco del capoluogo, impegnati in prima linea durante l'emergenza Covid, oltre che ai parenti di tutte le vittime, a oggi 17.365 nella sola Lombardia e 39.059 in tutta Italia.

Quarto Oggiaro: sfregiato il murales di Cosimo Caiffa "Cheone"

L'opera, realizzata da Cosimo Caiffa Cheone in collaborazione con l'amministrazione e lo "Spazio baluardo", era stata inaugurata a fine luglio tra via Eritrea e via Palizzi.

Raffigura(va) una dottoressa, un'infermiera, un bimbo e un uomo, tutti con la mascherina sul volto e gli occhi spaventati, sofferenti, ma con la voglia di combattere ancora. Un vero e proprio omaggio, era stato spiegato all'epoca, a tutti gli operatori sanitari ma anche a tutti i cittadini. Un omaggio che invece adesso è praticamente invisibile perché qualcuno ha deciso di gettare della vernice grigia sui disegni, rovinandoli in maniera forse definitiva.

vandalizzato murales coronavirus-2-2

"Nella notte qualche vigliacco ha deciso di eliminare totalmente i murales dedicati ai medici ed infermieri dell'ospedale Sacco, realizzati delle associazioni territoriali con la collaborazione del Municipio 8 - dice l'assessore Fabio Galesi -. Di sicuro prenderemo provvedimenti per quanto accaduto. Presenterò un esposto per danneggiamenti ad un'opera pubblica richiedendo la visione delle telecamere. E pensare che dovevamo uscirne migliori", ha concluso con amarezza ricordando proprio i giorni in cui sembrava che la pandemia dovesse trasformare in meglio ogni cosa. 

«Questo murales è dedicato agli operatori sanitari dell'Ospedale Luigi Sacco e a tutti i cittadini di Quarto Oggiaro per il loro impegno durante l'emergenza Covid 19», questa la targa affissa sul muro accanto ai murales che qualche infame vigliacco ha nella notte deturpato - dice Alessandro Giungi, consigliere del Pd  Palazzo Marino -. Non riuscivo a credere che qualcuno potesse arrivare a un gesto così schifoso. Sono passato per chiedere simbolicamente scusa a nome della città di Milano. Ora i responsabili vanno puniti". Sulla stessa lunghezza d'onda anche Giorgio Bianchini, consigliere del Municipio 8. "A Milano, questa notte, qualche vigliacco, in via Eritrea ha deciso di cancellare i murales dedicati a medici e infermieri dell'Ospedale Sacco. Agli inizi della pandemia in atto ci avevano incoraggiato dicendoci: «Ne usciremo migliori», ha concluso anche lui, senza nascondere l'amarezza. 

Meglio ricordarlo così il murales, com'era fino a ieri. Una perla che scalda il cuore, colori accesi che stanno a significare gioia e speranza anche in mezzo alle difficoltà. Alla faccia dell'idiozia di qualche vandalo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'odioso sfregio agli eroi della lotta al Covid

Today è in caricamento