rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Città Roma

Omicidio Sara Di Pietrantonio, rito abbreviato per l'ex fidanzato

I reati contestati a Vincenzo Paduano sono omicidio volontario premeditato, stalking, incendio e distruzione di cadavere

ROMA - E' stata aperta e subito rinviata l’udienza preliminare sull’omicidio di Sara Di Pietrantonio, la studentessa di 22 anni uccisa e poi data alle fiamme il 29 maggio 2016 a Roma.

Davanti al gup Sturzo del tribunale di Roma è comparso l’ex fidanzato reo confesso del delitto, il vigilante 28enne Vincenzo Paduano, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, stalking e distruzione di cadavere.

Il processo si terrà con rito abbreviato, che in caso di condanna prevede lo sconto di un terzo della pena. La sentenza è prevista per il 5 maggio prossimo. La prossima udienza, invece, si terrà il 7 aprile.

Sara Di Pietrantonio, studentessa di 22 anni, fu prima tramortita, poi strangolata, quindi data alle fiamme dall'ex ragazzo che risponde anche dell'incendio dell'auto della vittima con l'utilizzo di una piccola tanica di benzina. Dalle indagini è emerso che il 28enne non accettava che lei avesse una storia con un altro ragazzo. Paduano, secondo gli inquirenti, non cessava di perseguitare la ragazza con mail, chat e sms.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Sara Di Pietrantonio, rito abbreviato per l'ex fidanzato

Today è in caricamento