rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Città Napoli

Ragazzino di 11 anni tenuto prigioniero in casa dalla madre

Il ragazzo era stato privato anche del telefonino. Non andava più a scuola, la casa era spoglia e sulle pareti c'erano disegni inquietanti. Gli agenti della Municipale hanno affidato l'undicenne alle cure del nonno materno

Bloccato in casa, privato del diritto di andare a scuola e senza alcun contatto con il mondo esterno - neanche virtuale. Viveva così un ragazzino napoletano di undici anni, costretto dalla mamma a un rapporto esclusivo di solitudine. Gli agenti della Polizia Municipale sezione Chiaia (Napoli) hanno scoperto che il bambino viveva in una situazione di disagio psicofisico indotto dalle fragilità della mamma. La denuncia è partita dal nonno e dalla sorella maggiorenna del ragazzo.

L'undicenne non andava più a scuola, non poteva usare il telefono, l'appartamento in cui viveva era spoglio e sui muri c'erano disegni inquietanti. Gli agenti della Municipale hanno allontanato il minore dalla madre portandolo a casa del nonno materno. Per la madre è stata prospettata la necessità di un percorso di supporto. Il fascicolo è stato trasmesso alla Procura ordinaria e alla Procura per i minorenni.

La notizia su NapoliToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzino di 11 anni tenuto prigioniero in casa dalla madre

Today è in caricamento