rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
L'incidente alla centrale idroelettrica / Bologna

Alla centrale di Suviana inizia la fase due, la verità sull'esplosione dalla scatola nera

Recuperati i corpi delle sette vittime, si devono liberare i locali da acqua e macerie. Poi inizieranno le perizie. L'impianto aveva un sistema di controllo, i dati potrebbero dare una risposta alle domande sulla strage. Cosa succede adesso

Concluso il recupero dei corpi delle vittime, alla centrale idroelettrica di Bargi sul lago di Suviana dopo l'esplosione si apre la fase due. Si devono liberare i locali dall'acqua e dalle macerie e si deve capire cosa ha innescato lo scoppio, accertando eventuali responsabilità.

Alla centrale di Suviana scatta la fase "due" 

Alla centrale di Suviana la fase due inizia col togliere l'acqua e le macerie e mettere in sicurezza la struttura. L'impianto torna nella disponibilità di Enel, a eccezione dei piani inferiori che restano sotto sequestro e saranno oggetto di sopralluoghi e indagini.

"Chiusa questa prima fase di ricerca e soccorso, si aprirà una fase comunque importante di recovery di tutta la struttura. Enel Green Power definirà tempistiche e quant'altro", ha detto il direttore della Protezione civile Luigi D'Angelo.

Questa fase avrà numerosi passaggi. "C'è un pozzo che contiene dell'acqua, stiamo facendo delle analisi per capire che cos'ha dentro", ha spiegato l'ad di Enel Green Power Salvatore Bernabei. Si procederà anche con lo svuotamento dei piani allagati. "Adesso che i sommozzatori non stanno più giù potremo mandare le idrovore al massimo della capacità", ha ribadito Bernabei. Solo dopo, quando tutto l'impianto sarò accessibile, potranno iniziare le perizie.

Che cosa può essere successo nella centrale idroelettrica di Suviana

I vigili del fuoco in azione a Suviana dopo l'esplosione

La verità sull'esplosione di Suviana dalla scatola nera

A Bologna la Procura ha aperto un fascicolo per disastro e omicidio colposo al momento senza indagati. Ancora non è chiaro cosa abbia causato l'incidente. Nei prossimi giorni la Procura nominerà i tecnici incaricati delle perizie. Cosa ha innescato tutto? Perché? Ci sono state irregolarità o leggerezze o da parte di qualcuno? Tutte domande a cui dare risposte.

Sappiamo che nella centrale idroelettrica erano in corso lavori di efficientamento per i quali Enel Green Power aveva contrattualizzato tre aziende. Siemens, Abb e Voith. Lo scoppio è avvenuto durante il collaudo del secondo gruppo di generazione, dopo che nei giorni scorsi era terminato quello relativo al primo gruppo. "Enel green power - ha spiegato Bernabei - non ha subappaltato niente, come committente abbiamo appaltato alcuni lavori di realizzazione, di progettazione, fornitura, di montaggio e di collaudo a tre primarie aziende. Due di queste", Siemens e Voith, "non Abb, hanno appaltato alcune prestazioni specialistiche".  

Il primo nodo è individuare il punto esatto dal quale è partita l'esplosione che ha determinato l'incendio e il crollo. Un aiuto alle indagini potrebbe arrivare dalla "scatola nera" della centrale: si tratta del sistema "Scada". È un acronimo che sta per "Supervisory control and data acquisition", cioè controllo di supervisione e acquisizione dati e si usa per avere un controllo dei processi industriali, ottimizzando l'utilizzo delle risorse e dando un quadro della "salute" di un sistema o macchinario. Ad esempio, possono essere utilizzati per monitorare temperatura, pressione, velocità e livelli di lubrificazione in un macchinario industriale.

"Tutte le centrali hanno un sistema di supervisione e controllo che si chiama Scada - ha spiegato Bernabei - In questa centrale si trovava nei piani superiori. Questo sistema è già stato preso dall'autorità giudiziaria e quindi se avrà registrato qualcosa aiuterà a capire le cause dell'evento e si vedrà nel momento in cui verrà esaminato".

Saranno ascoltati anche tutti i testimoni, a cominciare dai tecnici che stavano lavorando in quel momento e che sono rimasti feriti.SUVIANA In alto da sinistra Tanase Franchina Pisani Garzillo. In basso da sinistra Casiraghi Scandellari Dalessandro

Niente autopsia per le sette vittime di Suviana

Nell'incidente hanno perso la vita  sette uomini: Vincenzo Garzillo, consulente napoletano di 68 anni; Alessandro D'Andrea, 37 anni, dipendente Voith;  Adriano Scandellari, 57enne lavoratore di Enel Green Power; Paolo Casiraghi, 59enne tecnico della Abb; Petronel Pavel Tanase, 46 anni; Mario Pisani, pugliese di 74 anni e Vincenzo Franchina, 36enne neo papà della provincia di Messina. 

Sui corpi dei sette tecnici morti non sarà fatta l'autopsia. Sono state invece eseguite le prime tre ispezioni esterne e gli esami post mortem, anche con tac ed esami tossicologici per provare a capire quali sostanze possano aver inalato, sulle salme dei primi tre operai estratti senza vita dalla centrale idroelettrica di Bargi, nel giorno dell'esplosione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla centrale di Suviana inizia la fase due, la verità sull'esplosione dalla scatola nera

Today è in caricamento