Venerdì, 30 Luglio 2021
Calcio & violenza

Condannato "Genny 'a carogna": due anni e due mesi di carcere

L'ultrà del Napoli è stato giudicato colpevole di aver capeggiato le violenze avvenute tra piazza Mazzini e Ponte Milvio e di aver scavalcato la recinzione della curva Nord. Assolto invece per la maglia "Speziale libero"

ROMA - E' stato condannato a 2 anni e due mesi di reclusione Gennaro De Tommaso, l'ultrà del Napoli meglio conosciuto come 'Genny a carogna' per i fatti avvenuti fuori e dentro lo stadio Olimpico in occasione della finale di Coppa Italia dello scorso anno. All'imputato, 39 anni, il gup Giulia Proto non ha concesso la sospensione condizionale della pena.

LE ACCUSE - In particolare - secondo quanto si è appreso - "Genny" è stato riconosciuto responsabile di aver capeggiato le violenze avvenute tra piazza Mazzini e Ponte Milvio e di aver scavalcato la recinzione della curva Nord. Lo stesso De Tommaso è stato comunque assolto dalle accuse di aver indossato una maglietta incitante alla violenza ("Speziale libero") e di aver istigato al lancio di oggetti in campo.

ALTRI CONDANNATI - Insieme a De Tommaso sono stati condannati ad un anno ed otto mesi di reclusione (pena sospesa) per resistenza a pubblico ufficiale, altri tre tifosi del Napoli: Mauro Alfieri, Genny Filacchione e Salvatore Lo Presti. Ha scelto invece di esser giudicato con rito ordinario un ultimo supporter campano, Massimiliano Mantice, accusato di aver a sua volta scavalcato la recinzione della curva Nord dello stadio Olimpico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato "Genny 'a carogna": due anni e due mesi di carcere

Today è in caricamento