rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Italia

Mettere le corna in casa alla moglie è reato, lo ha stabilito la Cassazione

Costringere la moglie a sopportare una relazione extraconiugali consumata in casa integra il reato di maltrattamenti. La sentenza pubblicata il 5 aprile non è l'unica in cui la Suprema Corte si è espressa in merito alle corna: ecco tutti i motivi per cui si rischiano guai

E' reato costringere la moglie a sopportare le corna in casa. Tale condotta infatti integra il reato di maltrattamenti a tutti gli effetti. A sostenerlo è la Cassazione con la sentenza n. 16543/2017, depositata il 5 aprile, chiamata a pronunciarsi sulla vicenda di una donna costretta tra le varie cose a subire i rapporti intimi del marito con l'amante nella casa coniugale.

corna alla moglie reato

A nulla vale per l'uomo tentare di sminuire il proprio comportamento, adducendo la non configurabilità del reato di maltrattamenti, per avere semplicemente "intrattenuto una relazione extraconiugale" e non la serie di atti vessatori richiesti dalla fattispecie incriminatrice. Secondo gli Ermellini, infatti, sottolinea Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la doglianza è infondata. Va ricordato che il reato di maltrattamenti, ex art. 572 c.p., ricordano preliminarmente dal Palazzaccio, "integra una ipotesi di reato necessariamente abituale che si caratterizza per la sussistenza di una serie di fatti, per lo più commissivi, ma anche omissivi, i quali isolatamente considerati potrebbero anche essere non punibili (atti di infedeltà, di umiliazione generica, etc.) ovvero non perseguibili (percosse o minacce lievi, procedibili solo a querela), idonei a cagionare nella vittima durevoli sofferenze fisiche e morali (cfr., tra le altre Cass. n. 43221/2013).

corna alla moglie reato

Nella, specie, il giudice d'appello "ha adeguatamente valutato l'attendibilità delle dichiarazioni della persona offesa, sia sotto il profilo della intrinseca linearità sia sotto il profilo della correttezza estrinseca, constatando come la condotta di violenza e di sopraffazione che l'imputato ha inflitto a sua moglie, consistente nell'intrattenere rapporti sessuali con l'amante all'interno della casa coniugale imponendo alla moglie l'accettazione di tale stato di fatto con gravi minacce, abbia trovato riscontro anche nella relazione di servizio e nel chiaro contenuto delle conversazioni telefoniche intercorse tra l'imputato e la persona offesa". Per cui, nulla di fatto per l'uomo.

corna alla moglie reato

Sempre la corte di Cassazione nel 2009 aveva stabilito che rivelare al tradito che ha le corna è reato. Con la sentenza n. 28852/2009, la prima sezione penale, ha condannato per molestie l'amante che aveva inviato sms alla convivente del traditore per informarla della relazione.

Inoltre ben due sentenze nel 2015 hanno affrontato il tema della vendetta trasversale a seguito dello scioglimento della relazione extraconiugale: commette infatti reato la donna che informa la moglie del suo ex amante della relazione extraconiugale. Mentre si prefigura lo stalking qual'ora l'amante rende di pubblico dominio una relazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mettere le corna in casa alla moglie è reato, lo ha stabilito la Cassazione

Today è in caricamento