Giovedì, 17 Giugno 2021
Gli aggiornamenti

Il piccolo Eitan non è più in pericolo di vita

Il bimbo di cinque anni, unico superstite dell'incidente avvenuto sul Mottarone, ha iniziato a mangiare, mentre vicino a lui ci sono sempre la zia e la nonna

"Le condizioni sono in significativo miglioramento e questa sera la prognosi è stata sciolta. È in costante miglioramento sia dal punto di vista del trauma toracico sia dal punto di vista del trauma addominale". E’ quanto si apprende da fonti mediche dell'ospedale Regina Margherita di Torino dov'è ricoverato Eitan, il bambino di 5 anni sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone grazie all’ultimo, grande gesto di amore del padre. Lui non è più in prognosi riservata per cui adesso si fa largo il lungo percorso di ripresa, che potrà cominciare quando, a breve, lo trasferiranno in un reparto di degenza. Il piccolo deve comunque fare i conti con un trauma toracico, uno addominale e una serie di fratture agli arti, che sarebbero anche abbastanza serie.

Ieri aveva cominciato a mangiare alimenti morbidi e leggeri. Accanto al bambino ci sono sempre la zia e la nonna. Non solo. Vicino a lui è presente un team di psicologi, i quali hanno fatto in modo che lui, al risveglio, potesse vedere subito il volto più familiare, appunto quello della zia Aya. Questo è un momento delicato per lui perché dovrà fare i conti con i ricordi e con la presa di consapevolezza più straziante: che le persone che più ama nella sua vita non ci sono più. Dovrà farci i conti con la stessa forza con cui dovrà affrontare le terapie per recuperare un fisico provato. Ci vorrà tempo e nel tempo si dovranno seguire step precisi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piccolo Eitan non è più in pericolo di vita

Today è in caricamento