rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
La Libia non un luogo sicuro

Migliaia di migranti continuano ad essere riportati indietro dalla guardia costiera libica

Secondo l'Oim, quasi un migrante su due partito dalla Libia è stato intercettato e riportato indietro, con il rischio di subire nuove violenze e violazioni dei diritti umani. Numeri in crescita rispetto agli anni passati quando al Viminale c'erano Salvini e Minniti

Dall'inizio dell'anno sono più di 26mila i migranti intercettati nel Mediterraneo dalla Guardia Costiera libica e riportati indietro, con il rischio di subire nuove violenze e violazioni dei diritti umani. È l'allarme lanciato dall'Oim, l'organizzazione mondiale delle migrazioni, che sottolinea come rispetto al 2020 il numero delle persone riportate in Libia sia quasi raddoppiato: in tutto lo scorso anno furono 11.981. Lungo la rotta del Mediterraneo centrale inoltre dal 1 gennaio ad oggi sono morte 493 persone e 686 risultano disperse. A inizio ottobre, l'Oim aveva calcolato che dal 1 gennaio al 30 settembre quasi un migrante su due partito dalla Libia per affrontare la traversata nel Mediterraneo era stato intercettato e riportati indietro. Un numero, secondo il ricercatore dell'Ispi Matteo Villa, più che raddoppiato durante la gestione della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese rispetto a quando al Viminale c'erano Matteo Salvini (giugno 2018 – settembre 2019) e Marco Minniti (dal dicembre 2016), che firmò i primi accordi con la Libia.

Ad oggi in Italia sono sbarcati più di 50mila migranti, il doppio rispetto a quello dello stesso periodo del 2020. Mancano ancora due mesi alla fine del 2021, ma i numeri di quest'anno hanno già ampiamente superato la cifra toccata in tutto quello precedente, quando erano stati 34.154. Nel 2019 i migranti sbarcati in Italia erano stati 11.471.

La Libia non è un luogo sicuro

Oggi la gip di Agrigento ha archiviato le indagini sulla Watch 3 che il 9 maggio 2019 soccorse in acque Sar libiche trenta persone, tra cui due donne incinte, una bambina di due anni e diversi minori non accompagnati. Il comandante non solo non commise alcun reato, secondo la gip, ma "aveva l'obbligo di prestare soccorso e assistenza alle persone presenti a bordo del gommone e di provvedere al successivo trasporto in luogo sicuro di sbarco alla luce di quanto sancito dalle disposizioni normative nazionali e internazionali". L'indagine era stata aperta con l'ipotesi di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Una settimana fa il Tribunale di Napoli ha condannato il comandante della nave Asso28 a un anno di reclusione per aver accettato di consegnare a Tripoli 101 migranti che aveva soccorso; tra di loro c'erano anche diversi minori e alcuni donne incinte. Una sentenza storica, perché è la prima volta che in Europa si arriva a un verdetto del genere.

Assolto dall'accusa di abuso d'ufficio, il comandante della Asso28 – un rimorchiatore di supporto alle piattaforme petrolifere a largo della Libia - è stato ritenuto colpevole di aver abbondonato i richiedenti asilo a uno stato, la Libia appunto, che l'Onu non riconosce come porto sicuro. Il fatto risale all'estate del 2018. La nave della Ong Open Arms captò e registrò alcuni audio di conversazioni tra la Asso28 e la piattaforma di una partecipata dell'Eni, che misero in luce alcune anomalie sulla gestione del caso e furono in seguito acquisite dalla Procura di Napoli. Le motivazioni della sentenza saranno rese note tra tre mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliaia di migranti continuano ad essere riportati indietro dalla guardia costiera libica

Today è in caricamento