rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Fisco

Tredicesima più ricca e taglio del cuneo fiscale "per sempre", come cambia la busta paga

Il viceministro all'Economia e alle Finanze, Maurizio Leo, anticipa i piani del Governo in tema di lavoro e fisco. Novità anche per gli autonomi

Il taglio del cuneo fiscale reso "stabile" ma anche tredicesima più ricca perché meno tassata e novità per gli autonomi. Questa la direzione in cui si muove il Governo. Lo spiega il viceministro all'Economia e alle Finanze, Maurizio Leo, in un'intervista al Corriere della Sera.

La volontà del governo "è certamente quella di stabilizzare" il taglio del cuneo fiscale varato con il decreto legge del primo maggio. "Il governo - sottolinea Leo - ha intanto rafforzato il potere d'acquisto delle famiglie, visto che l'inflazione è ancora alta. Ma, evidentemente, c'è anche un'esigenza, per così dire, strutturale, visto l'elevato livello del prelievo fiscale-contributivo sui lavoratori. Per questo la volontà è certamente quella di stabilizzare il beneficio. Non è possibile pensare di togliere il prossimo anno quel che si è deciso di dare ora. Tuttavia, lo si dovrà fare avendo ben chiaro che ci sono compatibilità finanziarie da rispettare, che saranno più chiare in autunno con la Nota di aggiornamento del Def".

Ora, spiega, "le retribuzioni lorde di 25mila euro raggiungeranno un guadagno netto di circa 100 euro al mese, comprendendo i precedenti tagli del cuneo. Questo è l'aumento massimo. Oltre 25mila e fino a
35mila il taglio complessivo è di sei punti. In questa fascia, quindi, il vantaggio scenderà un po' rispetto ai 100 euro. Nei prossimi giorni potremo fare degli esempi più precisi". 

Col nuovo taglio delle tasse conviene guadagnare meno: l'effetto sugli stipendi

Nel 2024 dovrebbe scattare la riduzione dell'Irpef e il taglio del cuneo potrebbe essere assorbito in questa operazione. "Credo - dice ancora il viceministro Leo - che i due percorsi possano coesistere anche se occorre una valutazione attenta delle risorse. È difficile fare oggi previsioni. Ma alcuni dati consentono un cauto ottimismo, in particolare le stime preliminari sul Pil del primo trimestre che segnalano una crescita dello 0,5 per cento, con una dinamica dell'1,8 per cento sull'intero 2023: un risultato significativamente più elevato rispetto alle previsioni del Def (+1 per cento)".

Quanto poi alla tredicesima con meno tasse, questa scatterà "nel 2024, quando comincerà a essere attuata la delega", chiarisce Leo. "In essa si prevede anche la flat tax incrementale per i dipendenti. Credo che la tredicesima possa essere assimilata a un "reddito aggiuntivo" e quindi trattato con l'aliquota agevolata del 15 per cento. Così, tra l'altro, si sosterrebbero i consumi delle famiglie in un periodo particolare. Sarebbe un segnale molto importante, sempre tenendo conto delle risorse e del fatto che non sono possibili fughe in avanti". 

Novità anche per gli autonomi? Leo anticipa che "Sarà eliminata l'Irap per le società personali e per le associazioni professionali. Poi ci sono le semplificazioni, a partire dal calendario delle scadenze fiscali. Ancora: per i professionisti che si avvalgono di dipendenti avremo la riduzione delle ritenute sui loro compensi e la neutralità fiscale delle operazioni di aggregazione. Le società personali in contabilità ordinaria potranno optare per l'Iri, rendendo il sistema neutro rispetto alla forma giuridica scelta".

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tredicesima più ricca e taglio del cuneo fiscale "per sempre", come cambia la busta paga

Today è in caricamento