Domenica, 14 Luglio 2024
Economia

Manovra, paghi metà contributi se assumi un under 35 (e al Sud non paghi proprio)

La principale novità inserita nella Manovra è un assist per le assunzioni dei giovani. Ecco nel dettaglio tutte le misure: dall'Ecobonus agli aumenti per gli Statali, fino al sconto sull'Ape social per le mamme

Nella Manovra 2018, approvata di recente dal Cdm, arriva un grande incentivo per le assunzioni di giovani. Nel decreto è infatti previsto uno sgravio del 50% dei contributi per ogni datore di lavoro che assumerà un under 35. La decontribuzione sarà valida per i primi tre anni e soltanto fino al compimento del 35esimo anno di età. Per i giovani assunti al Sud lo sgravio sarà del 100%: il datore non dovrà pagare. Si tratta della novità più rilevante inserita nella Manovra del governo Gentiloni.

La manovra vale circa 20 miliardi, una parte delle coperture è garantita da alcuni interventi contenuti nel decreto fiscale approvato venerdì scorso, gli altri fondi arriveranno da nuove misure. Il 40% delle coperture, ha spiegato Padoan, arriveranno da tagli alla spesa e il resto da aumento di entrate, ma, ha garantito il titolare di via Venti Settembre, “non è un aumento di tasse ma un efficientamento della riscossione”. Tra cui rientra la norma sull’obbligo di fatturazione elettronica ai privati. 

Ecco la manovra da 20 miliardi

Ecco nel dettaglio tutte le misure della Manovra:

Sgravi per i giovani

Come detto in precedenza, lo sgravio per i giovani è la novità più rilevante e prevede lo stanziamento di 338 milioni di euro nel 2018, che poi saliranno esponenzialmente. Il taglio del 50% dei contributi vale per le assunzioni a tempo indeterminato, anche si ci potrebbe essere un allargamento agli autonomi. La fascia d'età interessata è under 35, ma c'è la possibilità che dopo il primo anno venga abbassata a 32 anni o addirittura a 29. Ovviamente anche l'ampiezza della platea determinerà il tetto dello sconto da fissare a 4.030 o a 3.250 euro. Confermato invece lo sgravio totale dei contributi per le assunzioni al Sud.

Ecobonus

L'incentivo pubblico diretto a sostenere economicamente modalità produttive o forme di consumo che riducono l'impatto ambientale è stato confermato per il 2018, ma in forma ridotta: 50% invece che 65% per le finestre o le caldaie a condensazione. Un'ipotesi ancora in fase di valutazione è quella di collegare lo sconto con l'obiettivo con l'obiettivo energetico raggiunto.

Cosa sono gli Ecobonus

Aumenti per gli statali

Per i dipendenti pubblici è previsto un aumento in busta paga di 85 euro, un incremento che costerebbe circa 1,6 miliardi di euro. Cresceranno anche gli stipendi dei presidi e dei professori, mentre sono previste nuovi assunzioni di collaboratori scolastici nelle scuole.

Lotta alla povertà

Con il nuovo reddito d'inclusione il Governo ha messo sul piatto tre finanziamenti nei per i prossimi anni, così suddivisi: 600 milioni in più nel 2018, 900 milioni nel 2019 e 1,2 miliardi nel 2020.

Cosa è il reddito d'inclusione

Bonus cultura

La Manovra prevede il rinnovo del bonus cultura da 500 euro per gli under 18, con un costo per lo Stato di 290 milioni. Sono ancora in dubbio le detrazioni per gli abbonamenti ai mezzi pubblici.

Per i 18enni 500 euro di "bonus cultura": prorogato il termine di scadenza

Il superticket

Il ticket sulla specialistica non verrà cancellato, ma verrà sottoposto a una riduzione parziale o differenziata in base alla Regione in cui si richiede. Si tratta comunque da una misura che potrebbe essere inserita in Parlamento.

Ape Rosa

Per le donne è stato inserito uno sconto di sei mesi sull'Ape social per ogni figlio, fino ad un massimo di due anni.

Pensioni, ecco gli 11 lavori che danno diritto all'Ape sociale

Fatturazione elettronica 

Nel 2019 diventerà obbligatoria  per le imprese la fatturazione elettronica. Per Web Tax, correttivi allo Spesometro e incentivi sull'utilizzo del Pos ci saranno con tutta probabilità delle aggiunte in Parlamento.

Fatturazione elettronica obbligatoria per la PA

Le imprese

Confermati i  superammortamenti per le imprese, anche se più bassi degli anni passati (130%), mentre rimane invariato l'iperammortamento al 250%. Inoltre è previsto anche un nuovo credito  d'imposta al 50% per le spese in formazione digitale 4.0.

Investimenti pubblici

Nel 2018 arriveranno 300 milioni di euro per gli investimenti delle amministrazioni centrali e locali. I finanziamenti proseguiranno nel 2019 con 1,3 miliardi e nel 2020 con 1,9 miliardi.

Bonusverde

Secondo quanto riporta l'Ansa, nella legge di bilancio ci sarebbe anche un bonus per terrazzi e giardini con detrazioni fino al 36% per la cura del verde privato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manovra, paghi metà contributi se assumi un under 35 (e al Sud non paghi proprio)
Today è in caricamento