rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Vip

Madonna riportata in vita da un'iniezione di Narcan: paura per la cantante

Nuovi dettagli sul malore della popstar, che ha rischiato di morire per un'infezione batterica

Madonna è tornata a casa, nel suo appartamento di New York, dopo giorni di ricovero in terapia intensiva ed è ancora molto debole, ma il peggio per fortuna è passato. Il 24 giugno la cantante era stata trovata priva di sensi a causa di un'infezione batterica e trasportata d'urgenza in ospedale, dove è stata sottoposta a cure molto forti. Il rischio di morire, come si apprende dalla stampa statunitense, è stato grande.

In queste ore stanno emergendo ulteriori dettagli sul malore e sui giorni successivi in cui la popstar ha lottato per restare in vita. Fondamentale sembra sia stato il Narcan, farmaco che aumenta la pressione sanguigna nella gestione dello shock settico e presente nei kit medici di molti personaggi famosi - un trattamento d'emergenza usato anche nei casi di overdose - e che avrebbe salvato Madonna. "La cantante è stata salvata in extremis – si legge su Radar On Line –. Quando la regina del pop è stata trovata incosciente il 24 giugno, coloro che hanno scoperto il suo corpo senza vita sono stati costretti a somministrarle immediatamente un’iniezione di Narcan".

Il manager, che qualche giorno dopo il malore aveva spiegato quanto accaduto su Instagram, non ha rilasciato dichiarazioni in merito a questi dettagli. Fa sapere, invece, che la popstar 64enne sta riposando per recuperare - circondata dai figli e dai familiari più stretti - e che non ha intenzione di cancellare il suo Celebration Tour.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madonna riportata in vita da un'iniezione di Narcan: paura per la cantante

Today è in caricamento