rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
"Umiliante" / Stati Uniti d'America

Insegnanti lottano per vincere soldi per le loro classi: lo squallido gioco negli Stati Uniti

Polemiche per una discutibile iniziativa benefica a Sioux Falls, in South Dakota. I docenti si sono sfidati per raccogliere quante più banconote possibili con le quali aiutare i propri studenti

È stato definito una sorta di Squid Game per insegnanti. Dieci docenti in ginocchio in mezzo al ghiaccio per cercare di agguantare quante più banconote possibili per poter acquistare materiale scolastico per le loro classi. È la contestata iniziativa di beneficienza lanciata da una squadra di hockey e da una banca a Sioux Falls, in South Dakota: la Dash for Cash (letteralmente 'Corsa ai soldi'). Nelle intenzioni degli organizzatori doveva essere un evento benefico a sostegno delle scuole locali, in realtà si è trattato di uno spettacolo umiliante, che ha attirato critiche pesantissime, considerato che gli insegnanti del South Dakota sono tra i peggio retribuiti negli Stati Uniti, dove per l'altro la professione dell'insegnante è tra le meno remunerative in generale e le scuole pubbliche fanno i conti da tempo immemore con scarsi finanziamenti.

"Sappiamo che di questi tempi le scuole hanno bisogno di finanziamenti e stiamo solo cercando di fare un po' la nostra parte per aiutarle e divertirci mentre lo facciamo", aveva detto Jim Olander, il presidente della squadra di hockey di Sioux Falls, salvo poi fare retromarcia insieme alla banca una volta essere stati travolti dalle polemiche e ammettere che anziché essere "un'esperienza positiva e divertente per gli insegnanti" questa si è rivelata invece "degradante e offensiva nei confronti dei partecipanti e della professione del docente in generale". Per superare l'imbarazzo, gli organizzatori hanno spiegato di aver ricevuto richieste di partecipazione da parte di 31 insegnanti e di aver estratto a sorte i 10 fortunati. Ognuno dei partecipanti ha ricevuto almeno 500 dollari: ora ne riceveranno altri 500 e altrettanti ne avranno i 21 insegnanti che non erano stati sorteggiati

Alcuni degli insegnanti che hanno partecipato hanno rivelato al quotidiano locale Argus Leader a cosa sarebbero serviti quei soldi: scrivanie e sgabelli ergonomici per permettere ai propri studenti di stare più comodi in classe, strumenti per creare presentazioni e digitalizzare i documenti per le lezioni a distanza, ma anche dolci e decorazioni natalizie per rendere più belle le classi.

L'unione degli insegnanti di Sioux Falls ha tuonato contro l'evento, ricordando la situazione di declino dell'intero sistema scolastico non solo dalla regione ma anche dello Stato. Numerosi commentatori, non solo locali, hanno sottlineato come Dash for Cash abbia rappresentato un momento veramente basso, seppur originato da un'intenzione lodevole come quella di sostenere gli insegnanti, soprattutto dopo tutto quello che hanno fatto in questi tempi di pandemia. "A quale altra professione verrebbe chiesto di raccogliere fondi in questo modo?", ha commentato Reynold F. Nesiba, senatore democratico di Sioux Falls e professore alla Augustana University, che ha definito l'evento "irrispettoso, offensivo e assurdo". In molti, compresa la figlia di Martin Luther King, hanno criticato l'iniziativa puntando il dito contro gli scarsi finanziamenti alla scuola pubblica negli Stati Uniti a fronte delle ingenti spese militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insegnanti lottano per vincere soldi per le loro classi: lo squallido gioco negli Stati Uniti

Today è in caricamento