rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
L'inversione di rotta / Afghanistan

I talebani chiudono di nuovo le scuole femminili

La decisione è arrivata a poche ore dall'inizio delle lezioni

E' durata poche ore l'apertura delle scuole secondarie femminili in Afghanistan, il Paese che è tornato sotto il controllo dei talebani lo scorso 15 agosto. Alle ragazze delle scuole medie e superiori è stato vietato di frequentare le lezioni, consentito invece solo alle bambine delle elementari.

Gli 'studenti del Corano' hanno ordinato la chiusura degli istituti femminili, contraddicendo quanto stabilito in precedenza. La conferma è arrivata dal portavoce degli islamisti afghani Inamullah Samangani all'agenzia di stampa internazionale AFP, senza però spiegare il motivo dell'inversione di rotta. Silenzio anche da parte del portavoce del ministero dell'Istruzione, Aziz Ahmad Rayan, che non ha voluto rilasciare commenti sulla decisione. 

Una troupe giornalistica dell'AFP stava girando un video alla Zarghona High School della capitale, Kabul, per raccontare il rientro in classe delle giovani studentesse quando un insegnante ha comunicato alle ragazze che la lezione era finita. Molte di loro hanno reagito alla disposizione con le lacrime, dice la fonte. 


Il ministero dell'Istruzione afghano aveva annunciato la ripresa delle lezioni per ragazze in diverse province, fatta eccezione della regione di Kandahar, culla dei talebani. Intorno alle 7 del mattino di oggi 23 marzo centinaia di studentesse si sono precipitati all'ingresso della scuola superiore femminile Zarghona, uno dei più grandi istituti per ragazze della capitale, per riprendere le lezioni. 

Ma l'imminente e improvvisa chiusura degli istituti femminili fa piombare nuovamente il Paese indietro nel tempo. Infatti, quando i talebani hanno preso il potere lo scorso agosto, le scuole sono state chiuse a causa della pandemia di Covid-19; in un secondo momento, solo gli studenti e le studentesse più giovani hanno potuto riprendere le lezioni due mesi dopo.

Con la decisione odierna, vengono alimentati i timori che i talebani impediranno alle studentesse di perseguire il percorso scolastico, come già accaduto quando gli 'studenti del Corano' sono stati al potere dal 1996 al 2001.

L'inviata delle Nazioni Unite Deborah Lyons ha definito "inquietanti" i rapporti sulla chiusura, chiedendo spiegazioni sul provvedimento. "Se è vero, quale potrebbe essere il motivo?" ha twittato.

La comunità internazionale ha fatto del diritto paritetico all'educazione per tutti uno dei punti dirimenti della trattativa con il regime dei Talebani sugli aiuti e il riconoscimento politico.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I talebani chiudono di nuovo le scuole femminili

Today è in caricamento