Domenica, 28 Febbraio 2021
Regno Unito

Arrestato perché il vicino ha scaricato video di abusi su minori utilizzando il suo wi-fi

Un incubo durato fortunatamente solo pochi giorni, finché la polizia non ha individuato il vero colpevole: il caso in Inghilterra

foto di repertorio Unsplash

Quando il suo vicino lo ha convinto a lasciargli usare il wifi, non poteva certo immaginare un giorno di ritrovarsi la polizia fuori dalla porta di casa e finire in carcere con l’accusa di pedopornografia. È l’assurda vicenda accaduta nei mesi scorsi in Inghilterra e ha portato prima un uomo innocente dietro le sbarre e poi, fortunatamente, all’individuazione del vero colpevole. 

Robert Mawby, 60enne condannato nel 2010 a 24 settimane di carcere per aver scaricato immagini di abusi sui minori, aveva convinto il suo ignaro vicino nel tranquillo sobborgo di Beumont Leys a Leicester, a lasciargli usare la password per accedere al suo wifi. Sfruttando la connessione del vicino, Mawby ha scaricato quasi 500 foto e video espliciti di bambini e ragazzi. 

Arrestato e poi scagionato: il colpevole era il suo vicino

A metà agosto la polizia si è presentata a casa del vicino di Mawby e lo ha arrestato perché sospettato di aver scaricato quel materiale pedopornografico. Un incubo fortunatamente durato appena pochi giorni per l’uomo, poiché il 22 agosto Mawby è stato arrestato dalla polizia dopo aver ammesso tutto.

Oltre ad aver scaricato foto e video di minori, Mawby ha anche violato l’ordinanza emessa dal tribunale che gli vietava di possedere telefonini, computer e hard disk senza comunicarlo alla polizia. Il vicino è stato completamente scagionato mentre l’avvocato di Mawby è riuscito a convincere il giudice a  far uscire il suo assistito dal carcere e assegnarlo ai servizi sociali per intraprendere un percorso di riabilitazione, cosa che nei procedenti procedimenti non gli era mai stata concessa. 

Mawby, ha detto il giudice durante il processo, “ha 60 anni, ha bisogno di cure e l’ultima volta non le ha ricevute, si è dichiarato colpevole di questi reati e ha scagionato il suo vicino”, quindi ha emesso una condanna alternativa alla detenzione di tre anni, da scontare in libertà all’interno della propria comunità locale, insieme a 90 giorni di terapia di gruppo e 30 giorni di lavoro con i funzionari della libertà vigilata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato perché il vicino ha scaricato video di abusi su minori utilizzando il suo wi-fi

Today è in caricamento