Venerdì, 5 Marzo 2021
Niger

600 migranti in "condizioni atroci" salvati nel deserto: missione di Tajani in Niger

"Respinti" dall'Algeria e salvati nel deserto. Domani e dopodomani missione del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani: "Il Niger ha ridotto del 95% in due anni i flussi di migranti irregolari in transito verso la Libia"

Un centro di transito per migranti ad Agadez - ANSA UNICEF

Quasi 600 migranti africani, "respinti" dall'Algeria e salvati nel deserto, sono arrivati a metà settimana nel nord del Niger. Lo ha riferito oggi un funzionario locale della città di Agadez, definendo "atroci" le condizioni dei migranti.

"Secondo le loro testimonianze, sono stati portati vicino al confine. Sono stati lasciati con un po' di acqua e cibo", poi "hanno percorso una cinquantina di chilometri prima di essere soccorsi", ha aggiunto il funzionario. Tra i migranti ci sono "bambini e molte donne" di cui "alcuni malati", ha precisato.

Tajani in Niger

Portare sostegno tramite investimenti economici per lo sviluppo del Niger, per dare un seguito all'esempio positivo offerto dal Paese che, grazie all'intervento Ue, ha ridotto del 95% in due anni i flussi di migranti irregolari in transito verso la Libia. E' l'obiettivo della missione del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, che si recherà a Niamey martedì e mercoledì ìcon una squadra di esperti, rappresentanti delle organizzazioni internazionali ma anche imprenditori per mettere in pratica quel 'Piano Marshall' per l'Africa da lui sempre sostenuto.

"Il Niger è un esempio dei successi ottenuti dall'Ue, anche grazie al buon uso del Fondo fiduciario per l'Africa", per questo ora che le risorse stanno terminando, ha dichiarato Tajani alla vigilia del viaggio, "dobbiamo continuare a sostenere il Niger in questa azione offrendo tutto l'aiuto possibile per lo sviluppo economico, imprenditoriale e tecnologico del Paese".

 Nel 2016 sono state 330mila persone ad attraversare il Niger dirette principalmente in Europa attraverso la Libia, nel 2017 sono scese a meno di 18mila e nel 2018 a circa 10mila. "Servono nuovi stanziamenti per aiutare il Paese a proteggere le frontiere, gestire i flussi migratori e garantire la sicurezza", ha sottolineato il presidente dell'Europarlamento.

Terminato sbarco a Pozzallo, tutti i migranti all'hotspot: "Vittoria di Italia ed Europa" 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

600 migranti in "condizioni atroci" salvati nel deserto: missione di Tajani in Niger

Today è in caricamento