Sabato, 31 Luglio 2021
Mondo Giappone

Mitsubishi come Volkswagen, nuovo scandalo: "Irregolarità nei test per le emissioni"

Il gruppo giapponese ha ammesso di aver falsificato i test di emissioni su 625 mila automobili. I vertici di Mitsubishi, come da tradizione nipponica, si sono inchinati in segno di scuse davanti ai giornalisti

La notizia arriva come un fulmine a ciel sereno. Un nuovo caso Dieselgate all'orizzonte?

Dopo Volkswagen, accusata di aver falsificato i test sulle emissioni delle auto diesel, Mitsubishi ha annunciato "irregolarità" nelle analisi per stabilire i valori di particelle inquinanti rilasciate dalle sue vetture. Il tutto per presentare tassi migliori di quelli reali.

Immediata la reazione negativa alla Borsa di Tokyo, dove il titolo dell'azienda ha perso il 15 per cento. Mitsubishi Motors ha ammesso di aver falsificato i test di emissioni su 625 mila automobili, che non sono stati condotti secondo le regole stabilite dal governo giapponese.

A parlare di “violazioni internazionali” è stato direttamente il presidente di Mitsubishi Motors, Tetsuro Aikawa: la manipolazione dei test riguarda anche vetture prodotte per Nissan. I vertici di Mitsubishi, come da tradizione nipponica, si sono inchinati in segno di scuse davanti ai giornalisti. 

"Voglio esprimere le mie scuse piu' profonde a tutti i nostri clienti e alle altre parti coinvolte" ha detto Aikawa, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta al Ministero dei Trasporti di Tokyo. "Abbiamo deciso di arrestare la produzione e la vendita dei modelli coinvolti". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mitsubishi come Volkswagen, nuovo scandalo: "Irregolarità nei test per le emissioni"

Today è in caricamento