rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Spagna / Spagna

Spagna, in piazza contro i tagli all'istruzione

Insegnati, studenti e genitori hanno aderito allo sciopero generale voluto dai maggiori sindacati spagnoli

Cantano vittoria i sindacati spagnoli nel giorno dello sciopero generale indetto contro i tagli all'istruzione voluti dal governo di Mariano Rajoy. Almeno l'80% di coloro che lavorano nella scuola avrebbero accolto l'appello a prostestare contro le misure adottate da Madrid, come riporta il quotidiano spagnolo El Mundo

Si tratta di un momento storico per la Spagna. Le cinque maggiori sigle sindacali (Ccoo, Anper, Csif, Stes e Ugt), insieme con le organizzazioni studentesche e dei genitori, hanno partecipato ad uno sciopero massiccio che ha coinvolto tutti gli istituti scolastici, dagli asili alle università.  Tutto il paese è sceso in piazza, ad accezione delle isole Balerai e della regione basca. 

I tagli all'istruzione contro i quali si sono sollevati studenti e insegnanti rientrano nella manovra del governo di riduzione di 10 miliardi della spesa pubblica prevista per il biennio 2012-2013. L'istruzione, insieme con la sanità, è uno degli ambiti più colpiti, tanto che si parla di un taglio di 100mila posti di lavoro (soprattutto tra professori a termine e personale di sostegno) e di un aumento del 25% delle tasse universitarie

In questa giornata di protesta non sono mancati i momenti di tensione. A Madrid ci sono stati degli scontri tra gli studenti che volevano andare a lezione e coloro che invece hanno cercato di chiudere gli acessi alle strutture.  I problemi sono sorti intorno alle 11 di mattina, quando il rettore dell'Università Complutense, José Carrillo, ha chiesto l'intervento della polizia per togliere le barriccate in modo da consentire l'accesso alla struttura ad un ragazzo disabile. Alcuni studenti hanno criticato l'intervento delle forze dell'ordine, e due ragazzi sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spagna, in piazza contro i tagli all'istruzione

Today è in caricamento