Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Roma

Raggi, è sempre più caos. Pd all'attacco sul contratto: "È ineleggibile"

Monica Cirinnà, Pd, ha pubblicato l'originale del contratto firmato con Beppe Grillo e Casaleggio Associati da tutti i consiglieri Cinque Stelle eletti in Campidoglio, oltre che dalla stessa Raggi. Il 13 gennaio è attesa la sentenza, e si saprà se il sindaco "è ineleggibile"

Un guaio tira l'altro. Ore decisive per la Giunta Raggi per capire come uscire dalla crisi in cui l'hanno precipitata le dimissioni rimandate dell'assessora Paola Muraro e l'arresto di ieri per corruzione del capo del dipartimento personale Raffaele Marra. Ma non è solo il caso Marra a far tremare il sindaco. Monica Cirinnà, Pd, ha pubblicato sul suo sito l'originale del contratto firmato da tutti i consiglieri eletti in Campidoglio oltre che dalla stessa Raggi.

"Era ed è ineleggibile": Secondo la senatrice ci sono pochi dubbi. Il codice etico che Virginia Raggi ha sottoscritto, ha le caratteristiche di un contratto firmato con la Casaleggio Associati. A deciderlo,tra un mese, sarà la magistratura. Intanto però, anche sul sito della senatrice democratica, è stato diffuso il documento che riporta le firme di tutti i candidati pentastellati alle ultime elezioni amministrative.

“La Raggi non va via? Avverrà tra poco. Era ed è ineleggibile, come dimostra l'originale del contratto finora tenuto segreto” spiega Monica Cirinnà, che insieme alla deputata Stella Bianchi hanno sostenuto l'iniziativa dell'avvocato Venerando Monello che a luglio era ricorso alla magistratura e che ora rende pubblico il contratto tra Raggi e Casaleggio Associati. "Gli arresti al Comune di Roma stanno svelando la realtà dell'amministrazione M5S - spiega - Un pericoloso intrigo ai danni dei cittadini che trova origine nel, purtroppo famoso ma mai reso pubblico, contratto firmato dalla Raggi con la Casaleggio Associati. Per questo con l'avvocato Venerando Monello e insieme alla deputata Stella Bianchi siamo ricorsi alla magistratura e il 13 gennaio prossimo è attesa la sentenza”.

Il documento pubblicato sul sito dell’onorevole Cirinnà, “è ben diverso da quell diffuso sul blog di Grillo” avverte l’avvocato Monello. “In particolare l’originale di questo contratto è differente nella parte che contiene l’accettazione espressa da parte della Raggi di alcune clausole vessatorie, tra le quali della penale da 150mila euro” ossevano Cirinnà e Bianchi. Il dettaglio non è di poco conto. Anzi, secondo le parlamentari del PD “la circostanza fa di questo così detto codice etico un vero e proprio contratto. Altro che impegno di natura etica e non giuridica come si sono affrettati a definirlo nelle loro rispettive difese. Sussistono, quindi, a nostro parere tutti gli elementi non solo perché il tribunale dichiari la nullità del contratto, ma anche per la dichiarazione di ineleggibilità della stessa Raggi, che a questo punto farebbe meglio a lasciare volontariamente la poltrona prima che a costringerla sia una sentenza”. IL CASO SU ROMATODAY

IL CONTRATTO FIRMATO DALLA RAGGI

1481960549-contratto-casaleggio-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggi, è sempre più caos. Pd all'attacco sul contratto: "È ineleggibile"

Today è in caricamento