Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Col Decreto Clima incentivi per i prodotti sfusi e macchinette "mangia-plastica"

Approvato in Senato la legge di conversione del decreto clima che dalla prossima settimana andrà in discussione alla Camera. Tra le novità anche l'istituzioni delle "Zone economiche ambientali" per chi farà impresa nei parchi nazionali

il ministro dell'Ambiente Sergio Costa (s), il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e la presidente della Commissione Ambiente Vilma Moronese nella sala Nassyria del Senato durante conferenza stampa su decreto Clima, Roma 21 Novembre 2019. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Superato il primo scoglio per il Decreto Clima che è stato approvato al Senato con 136 voti a favore, 93 contrari e 2 astenuti. La prossima settimana andrà in discussione alla Camera.

Il testo - approvato con modifiche - contiene, tra le altre cose, misure urgenti per la definizione di una politica strategica nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell'aria, misure per incentivare la mobilità sostenibile nelle aree metropolitane e disposizioni per la promozione del trasporto scolastico sostenibile e in materia di azioni per la riforestazione.

La norma riconosce, poi, in via sperimentale, un contributo a fondo perduto a favore di esercenti per incentivare la vendita di detergenti o prodotti alimentari, sfusi o alla spina.

In particolare è previsto "agli esercenti commerciali di vicinato e di media struttura che attrezzano spazi dedicati alla vendita ai consumatori di prodotti alimentari e detergenti, sfusi o alla spina" un contributo economico a fondo perduto pari alla spesa sostenuta per un importo massimo di euro 5.000 nel limite complessivo di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021. 

Decreto Clima, che cosa cambia

Durante il percorso parlamentare, sono stati approvati emendamenti della Commissione che introducono il coordinamento con il piano nazionale integrato per l'energia e il clima, istituiscono il tavolo permanente sull'emergenza climatica, introducono il coordinamento delle politiche pubbliche per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e le campagne di informazione ambientale nelle scuole, il fondo per il rimboschimento e la tutela idrogeologica delle aree interne.

Approvati anche emendamenti del governo per la qualità dell'aria nelle aree protette nazionali, il Programma Italia verde, il Programma sperimentale 'mangia-plastica', il programma sperimentale Caschi verdi per l'ambiente.

"Questo è il primo decreto legge sull'ambiente e sul clima della storia della Repubblica italiana" esulta il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa.  "Ci sono - aggiunge - due articoli che mi piacciono molto: uno riguarda le Zea-Zone economiche ambientali, ovvero finalmente introduciamo il concetto di fiscalità di vantaggio nei Parchi nazionali".

Come spiega il ministro Costa con l'istituzioni delle "Zone economiche ambientali" si introducono facilitazioni per le aziende che faranno impresa green in un parco nazionale. "I parchi nazionali fioriranno anche dal punto di vista dell'economia Green".

Con la conversione del decreto arriveranno anche incentivi per il riciclo della plastica. "Finalmente troveremo anche nelle nostre città le macchinette mangia-plastica dove metteremo la nostra bottiglia di plastica, che verrà riciclata e ci darà un bonus che potrà essere di qualsiasi ordine e tipo, per fare un po' di spesa, per comprare un biglietto della metropolitana..." spiega il ministro dell'ambiente.

"Il dl clima è un tassello fondamentale di una visione più ampia. Una visione fatta di step, in questa composizione di tasselli c'è il dl clima, la legge di stabilità di fine anno, poi anche il Collegato ambientale, Cantiere ambiente, ci sarà la norma sulle bonifiche, Terra mia e la Salva Mare che nei primi sei mesi probabilmente diventerà legge".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Col Decreto Clima incentivi per i prodotti sfusi e macchinette "mangia-plastica"

Today è in caricamento