Giovedì, 15 Aprile 2021

Migranti, il mare riporta sulla spiaggia una neonata morta nel naufragio: la foto straziante della tutina

Una tutina da bebè con un coniglietto che avvolge il corpicino gonfio e sfigurato dall’acqua di una bimba di soli cinque mesi. Nel Mediterraneo si continua a morire

Dettaglio della tutina della bambina vittima di naufragio ritrovata sulla spiaggia di Sorman (Libia) dalla Mezzaluna Rossa. Foto da Mediterraneo Cronaca

E' solo l’ultimo dei tanti drammi sulla rotta del Mediterraneo Centrale. Una tutina da bebè con un coniglietto che avvolge il corpicino gonfio e sfigurato dall’acqua di una bimba di soli cinque mesi, restituita dal mare sulla spiaggia di Sourman in Libia dopo l’ultimo naufragio. Quattro giorni fa sono morte 12 persone, 18 invece i superstiti. La piccola era a bordo del gommone che si è rovesciato a sole sei miglia da Zawija. 

L'immagine pubblicata da Mediterraneo Cronaca fa male, spezza il cuore. La Mezzaluna Rossa – la Croce Rossa nei Paesi arabi – ha confermato la notizia che è stata rilanciata poi da Al Hadaf News. Si muore in mare a poca distanza dalle acque italiane. Tra le vittime dell'ultimo naufragio ci sono anche due bambini piccolissimi.

Una delle due innocenti vittime della repressione delle migrazioni, e dei trafficanti in secondo luogo, è stata adesso restituita al mondo priva di vita per testimoniare l’atrocità della “gestione dei flussi migratori”.

Pochi giorni prima in un altro naufragio nel Mediterraneo centrale al laergo di Sfax erano morte circa venti persone.

Fonte: Mediterraneo Cronaca →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, il mare riporta sulla spiaggia una neonata morta nel naufragio: la foto straziante della tutina

Today è in caricamento