Domenica, 19 Settembre 2021
Calcio

I 3 arbitraggi più sfavorevoli nella storia della nazionale Italiana ai mondiali

Vediamo nel caso specifico quali sono stati i 3 episodi che ci hanno visto, al di là della nostra opaca prestazione, penalizzati

Lamentarsi degli arbitri dopo una sconfitta è da sempre nel DNA di noi italiani. Vediamo nel caso specifico quali sono stati i 3 episodi che ci hanno visto, al di là della nostra opaca prestazione, penalizzati da un arbitraggio non all'altezza della situazione.

3. Italia - Uruguay (Brasile 2014)

Quando è stato designato per il match con l'Uruguay il messicano Rodriguez Moreno tutta la nostra penisola ha fatto i debiti scongiuri, non tanto per le caratteristiche del fischietto centromericano quanto per il suo secondo nome che rievoca tristi ricordi per la nazionale.

In fase di preparazione alla partita, era stato detto che Rodriguez fosse un arbitro di cartellino facile, ciò che gli azzurri però ancora non potevano sapere era che la facilità di mostrare il cartellino era in una sola direzione. Il primo tempo, Balotelli, seppur opaco e nervoso, è stato randellato da Caceres e CO. Ma come spesso accade, gli arbitri non devono avere molto in simpatia il numero 9 italiano non fischiando praticamente nulla a sua favore, anzi ammonendolo per un intervento di cui poteva tranquillamente farne a meno.

Il disastro però Rodriguez lo compie nella ripresa quando espelle Marchisio per un fallo da rosso che vede soltanto lui. Oltre alla rinomata correttezza del centrocampista della Juve, l'errore dell'arbitro è scandaloso dimostrando di non essere assolutamente entrato nell'azione. Marchisio infatti ritrae la gamba appena si accorge di entrare in ritardo, non affondando il colpo. Il cartellino giallo sarebbe stato una punizione già di per se troppo severa. Nel finale poi, lui e i suoi 3 disastrosi assistenti non si accorgono del morso di Suarez a Chiellini che sta già facendo il giro del mondo.

L'augurio è che per l'attaccante uruguayano, per quanto sia uno dei più forti al mondo, il suo mondiale sia finito qui per una maxi squalifica che potrebbe arrivare a breve per uno dei calciatori più scorretti che abbia mai calcato un campo di calcio. Lo stesso augurio è che la FIFA prenda dei provvedimenti sull'arbitro Rodriguez tecnicamente incapace di arbitrare in una competizione del genere.

2. Italia - Cile (Cile 1962)

Nei mondiali del 1962, in Cile, l'inglese Ken Aston si fece piccolo e pavido in quella che viene ricordata come la “battaglia di Santiago”. Scrisse in merito il quotidiano francese l'Equipe, “Cile-Italia non ha raggiunto, ma superato i limiti dello scandalo". Detto dai francesi a nostro favore assume una dimensione gigantesca. Tutto è avvenuto sotto lo sguardo di un arbitro costantemente ai limiti della debolezza, senza autorità nel fisico come nel comportamento, colpevole ai nostri occhi di essersi lasciato influenzare dalla presenza del pubblico cileno”. Aston espelle due giocatori azzurri, prima Ferrini, poi David e non punisce Leonel Sanchez un calciatore che non aveva niente a che fare con questo sport, ma sarebbe stato sicuramente un atleta eccellente in uno sport di lotta. Sarà un caso, ma nei mondiali disputati in sud America, qualche aiutino di troppo alle squadre del nuovo continente non viene mai negato.

1. Italia - Corea del Sud (Giappone e Corea del sud 2002)

Ma sul gradino più alto del podio di questa classifica non può che salire l'ottavo di finale del 2002 con l'equadoregno Byron Moreno come unico protagonista di quella gara. Al Daejeon Stadion, va in scena la farsa travestita da partita di calcio. Una celebre parodia, scritta da un gruppo di giovani, di una canzone di Zucchero Fornaciari recitava: "Schiatta Byron Moreno, o sei venduto o se scemo". Forse nella canzone l'errore sta nella "o", dal momento che i forti sospetti è che fosse tutte e due le cose.

La prima è che non è possibile che si possa vedere un arbitraggio simile nella massima rappresentazione mondiale e i fatti di Spagna- Corea dei quarti di finale che videro un altrettanto arbitraggio scandaloso pro Corea fa pensare al peggio. Ancora oggi ci si chiede come sia possibile che una squadra che solo in rari casi riesca a superare il primo turno possa essere arrivata in semi finale di un mondiale. La seconda ipotesi della canzone invece non lascerebbe spazio a nessuna interpretazione guardandolo in faccia.

Ma andiamo con ordine. Prima regala un rigore ai padroni di casa neutralizzato da Buffon, poi annulla un gol regolarissimo di Tommasi senza dare un interpretazione logica del suo fischio, non vede una gomitata che mette ko Del Piero e ci nega un clamoroso rigore su Totti che viene addirittura ammonito per simulazione e di conseguenza espulso facendo perdere la calma a Trapattoni che prende a calci ogni cosa che transita davanti la panchina. Nel 2010 l'arbitro Moreno tornerà nelle prime pagine di cronaca per essere stato arrestato all'aeroporto JFK di New York per possesso di "solo" 6 kg di eroina.

>>> LEGGI LE ALTRE NOTIZIE SU FTBPRO.COM <<<

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I 3 arbitraggi più sfavorevoli nella storia della nazionale Italiana ai mondiali

Today è in caricamento