rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Razzismo / Varese

La rabbia di Boateng: "Non so se ha senso restare in Italia"

Dopo il caso di Busto Arsizio il calciatore ghanese del Milan appare visibilmente provato dai continui cori razzisti di cui è vittima sui campi di calcio del nostro campionato

Kevin Prince Boateng potrebbe lasciare il Milan e l'Italia. Il centrocampista ghanese ha confessato alla Bild di sentirsi provato per quanto accaduto sul campo della Pro Patria. "Ho potuto sentire i primi versi da scimmia dopo cinque minuti".

All'inizio Boateng è andato dall'arbitro: "L'ho avvertito che se fossero proseguiti avrei lasciato il campo". L'arbitro ha provato a calmarlo "ma quando sono ricominciati i cori, ho pensato 'adesso basta, non continuerò a giocare'". E così è stato.

Prima Boateng ha scagliato il pallone contro la curva (GUARDA IL VIDEO) dei supporter della Pro Patria, quindi ha lasciato il campo. Quella di Busto Arsizio era solo un'amichevole, ma questo per Boateng non conta: "Avrei fatto la stessa cosa anche se fosse stata una partita di Champions contro il Real Madrid. E lo farò sempre".

Quanto alla sua permanenza in Italia, Boateng avverte: "Quanto accaduto non è una cosa che puoi scrollarti di dosso e basta. Ci dormirò su per le prossime tre notti e la prossima settimana incontrerò il mio agente. E lì vedremo se ha ancora senso continuare a giocare in Italia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rabbia di Boateng: "Non so se ha senso restare in Italia"

Today è in caricamento