Luis Suarez e la truffa sulla cittadinanza a Perugia

Secondo le indagini della procura gli argomenti della prova d'esame sono stati concordati con il calciatore e la sua conoscenza della lingua italiana è "elementare"

L'esame di Luis Suarez a Perugia (foto ANSA)

La Guardia di Finanza sta procedendo all'acquisizione di documenti negli uffici dell'università per stranieri di Perugia in relazione a presunte irregolarità nella prova di certificazione della lingua italiana, svolta il 17 settembre scorso, dal calciatore uruguaiano Luis Alberto Suárez Diaz, necessaria all'ottenimento della cittadinanza italiana.

Luis Suarez e la truffa sulla cittadinanza a Perugia

Le indagini, coordinate dalla procura di Perugia e condotte dal nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Perugia, sono scattate a febbraio 2020 per fatti diversi e maturati nel contesto dell'università per stranieri. "Dalle attività investigative - sottolinea in una nota della procura firmata da Raffaele Cantone - è risultato che gli argomenti oggetto della prova d'esame sono stati preventivamente concordati con il candidato e che il relativo punteggio è stato attribuito prima ancora dello svolgimento della stessa, nonostante sia stata riscontrata, nel corso delle lezioni a distanza svolte da docenti dell'ateneo, una conoscenza elementare della lingua italiana".

"Oggi i militari della Guardia di finanza stanno procedendo all'acquisizione di documenti negli uffici dell'università finalizzata al riscontro delle condotte" contestate, si legge ancora nella nota, e alla "notifica di informazioni di garanzia per i reati di rivelazione di segreti d'ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici ed altro". 

Le intercettazioni sul caso Suarez

L'indagine su Luis Suarez e la truffa sulla cittadinanza a Perugia è dettagliata da una serie di intercettazioni in cui gli indagati parlavano del calciatore: "Non sa coniugare i verbi se non all'infinito", dicevano gli intercettati. "Non dovrebbe, deve, passerà, perché con 10 milioni a stagione di stipendio non glieli puoi far saltare perché non ha il B1", aggiungevano. Gli indagati erano anche preoccupati per i giornalisti: "Se gli fanno due domande finisce nei guai". 

Suarez era arrivato quattro giorni fa da Barcellona a Perugia, dove ha svolto l'esame per ottenere la certificazione necessaria a ottenere il passaporto italiano ed essere tesserato come giocatore comunitario, con la Juventus in prima fila per l'uruguaiano. Nel decreto di sequestro probatorio si legge che la sessione straordinaria dell'esame " veniva istituita ad hoc unicamente per consentire il rilascio di una falsa attestazione di conoscenza della lingua italiana a livello B1 al calciatore Luis Suárez". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: "Il discorso è che comunque… sul verbale non ho problemi a metterci la firma perché in commissione ci sono io e mi assumerò la responsabilità dell'attribuzione del punteggio. Il mio timore qual è che poi tirando tirando, diamo il livello ed esce, i giornalisti fanno due domande in italiano e la persona va in crisi. Quindi un po' di preoccupazione ce l'ho perché è una gatta da pelare come se si fa male".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento