Covid, in Italia altri 281 focolai: le regioni con l'indice di trasmissione più alto

L'ultimo report dell'Iss: "In alcune parti del Paese la circolazione del virus è ancora rilevante, ma non ci sono segnali di sovraccarico dei servizi sanitari". L'indice Rt calcolato sui casi sintomatici è 0,83, sostanzialmente stabile rispetto alle scorse settimane

Foto di repertorio

In Italia l'indice di trasmissione Rt del coronavirus SARS-COV-2 calcolato sui casi sintomatici è 0,83. A comunicarlo è l’Istituto Superiore di Sanità in un report riferito al periodo 10-16 agosto. "Questo indica che, al netto dei casi asintomatici e dei casi importati dall'estero (categorie non mutuamente esclusive), il numero di casi sintomatici diagnosticati nel nostro Paese è stato sostanzialmente stazionario nelle scorse settimane". Le regioni con un indice di trasmissione più alto sono Umbria (1,34), Abruzzo (1,24), Veneto (1,21), Lombardia (1,17) e Campania (1.02). 

Covid, i focolai attivi in Italia

"Nella settimana di monitoraggio 10-16 agosto – spiega l’Iss - sono stati riportati complessivamente 1077 focolai attivi di cui 281 nuovi (la definizione adottata di focolaio  prevede  la  individuazione  di  2  o  più casi  positivi  tra  loro collegati), entrambi  in  aumento  per  la  terza  settimana  consecutiva (nella  precedente settimana  di monitoraggio  erano  stati  segnalati  925  focolai  attivi  di  cui  225  nuovi)". Insomma, la situazione desta più di qualche preoccupazione, anche se l’impegno dei “servizi territoriali nelle attivita' di ricerca dei contatti”, secondo l’Iss, “si sta dimostrando efficace nel contenere  la  trasmissione  locale  del virus  come  dimostrato  da  valori  di  Rt  inferiori  a  1  nella  maggior parte delle Regioni". 

Nel report si legge che "nove tra Regioni e Province autonome hanno  riportato  un  aumento  nel numero  di  casi diagnosticati  rispetto  alla settimana  precedente" un trend "che  non  può essere  attribuito  unicamente  ad  un aumento  di  casi importati"- 

"Sebbene il numero di nuovi casi in molte Regioni rimane contenuto, in altre realtà regionali continua ad essere segnalato  un numero elevato di nuovi casi - spiega il documento - e questo deve  invitare alla  cautela  in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante". E ancora: "Sebbene sia  segnalato,  in  alcune Regioni,  un  aumento  nel  numero  di  ospedalizzazioni, non sono stati identificati segnali di sovraccarico dei servizi sanitari". 

Covid, Antonelli (Cts): "La rete delle terapie intensive regge"

I contagi aumentano, ma la situazione per ora resta sotto controllo. Questo almeno il parere dell’Iss confermato anche da Massimo Antonelli, direttore del dipartimento Anestesia e Rianimazione del Policlinico Gemelli e membro del Comitato tecnico scientifico per  l'emergenza Covid-19. 

A proposito dell'aumento dei ricoveri in terapia intensiva, Antonelli ha spiegato al “Corriere della Sera” che ''c'è una leggera crescita ma proporzionale all'aumento dei nuovi casi e comunque non preoccupante. Anche i malati gravi sono in numero minimale. La percentuale rispetto ai positivi è sotto l'unità, mentre nel periodo acuto era del 5%. In Italia nei centri di rianimazione sono ricoverate poco più di 50 persone. Sulla bassa letalità del virus, forse è dovuta al fatto che l'età media dei contagiati si è abbassata attorno ai 35 anni, fenomeno legato alle abitudini di vita sociale dei giovani che ha determinato una diffusione rapida del virus. Il Sars-CoV-2 circola e, senza distanziamento, basta avere contatti brevi, anche di 15 minuti, con unsoggetto infetto per esserne colpiti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, "nel Lazio rischiamo una bomba virale"

Ben più preoccupato è l’Assessore alla Salute della Regione Lazio che ieri ha parlato di una bomba virale pronta ad esplodere legata ai rientri dalla Sardegna: "Il mancato rispetto delle regole nei locali della movida in Sardegna rischia di far esplodere una bomba virale. Ci aspettiamo un considerevole aumento dei casi ed è in corso una grande azione di tracciamento" ha spiegato D’Amato su facebook. Nel Lazio ieri sono stati registrati 115 nuovi casi, la maggior parte dei quali legati proprio ai rientri dalle vacanze. Su tutto il territorio nazionale i contagi sono stati 845. La regione con più casi è stata il Veneto (159) seguita da Lombardia (154) e appunto il Lazio.       

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Gabriel Garko finalmente libero ma non da certe montature

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento