Giovedì, 3 Dicembre 2020
Roma

Roma, la sindaca Raggi sbuca dai cassonetti: "E lei cosa sta buttando?"

Cronaca dello 'spazzatour' in corso nella Capitale: nella notte blitz nel quartiere di Tor Pignattara tra multe minacciate e divani abbandonati. Il racconto dei cittadini: "Sembravano Totò e Peppino"

Foto Facebook Giacomo Giujusa

ROMA - "Lei cosa sta buttando?". Possiamo solo immaginare la faccia di un cittadino che si ritrova, intorno a mezzanotte, il sindaco in persona sbucare dai cassonetti per controllare se la differenziata è fatta in maniera corretta. "Mi hanno messo paura" il racconto dell'abitante di Tor Pignattara: "Ma si puo' sbucare così, all'improvviso, da dietro ai cassonetti di notte? Ma vi rendete conto?". La cronaca della nuova tappa dello 'spazzatour' del sindaco di Roma, Virginia Raggi, e dell'assessore all'Ambiente Paola Muraro è particolare. Stavolta il blitz è scattato in uno dei quartieri popolari della Capitale. Obiettivo: controllare l'efficacia della raccolta, in una delle zone dove da giorni vengono segnalati importanti accumuli di sacchetti.  Con loro cinque ispettori Ama e lo staff.

LA CRONACA DI ROMA TODAY - E' Matteo Scarlino, su RomaToday, a raccontare il blitz. Le testimonianze dei cittadini sono da film: "Sembravano Totò e Peppino". Mancavano pochi minuti alle 23 "quando su via di Tor Pignattara si sono materializzate tre Panda bianche. Parcheggio in doppia fila, quattro frecce accese e via al tour". Lì hanno iniziato ad aprire i sacchetti a caccia di indizi. "Ad un certo punto la sindaca ha sentito rumore di vetro ed è scattata. C'era un ragazzo che stava buttando delle bottiglie nel cassonetto sbagliato". Secondo il racconto dei residenti la Raggi rivolgendosi ad un ispettore ha chiesto di far scattare la multa. "Ma qui non abbiamo la raccolta del vetro", ha risposto l'incredulo cittadino. La circostanza è stata confermata da un addetto Ama. Multa scampata.

DI CHI E' IL DIVANO? - In via Alessi è spuntato anche un divano, di fronte al quale Raggi e Muraro hanno mostrato stupore. "Di chi è questo divano?", urlavano, racconta ancora il residente. "Saranno rimaste lì mezz'ora. Ovviamente il proprietario del divano non si è fatto vivo". Il tour è durato oltre un'ora. Con loro anche l'assessore del XI municipo, Giacomo Giujusa, che ha scritto su Facebook: "Abbiamo potuto rilevare problemi con le utenze non domestiche, unite all'abbandono di ingombranti ed alla necessità di aggiornamento delle postazioni di raccolta per implementare le frazioni di rifiuto differenziato conferite".

I CITTADINI - I cittadini di Tor Pignattara, presenti durante il blitz e con cui RomaToday ha potuto parlare, non sembrano  però essere tutti così entusiasti. "Sembrava un blitz alla Totò e Peppino. Non è  così che si risolvono i problemi. La Muraro lavora con Ama da anni e non conosce le convenzioni che l'azienda stipula con i commercianti? Possibile che non comprendano che per la densità di persone che abita qui è assolutamente normale che i cassonetti si trasformino in minidiscariche nel giro di poche ore se non passano i camion della raccolta? Possibile che ci vogliano questi blitz per sapere che qui va attivata una differenziata vera, senza cassonetti in strada, e non affidata alla buona volontà dei cittadini?". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, la sindaca Raggi sbuca dai cassonetti: "E lei cosa sta buttando?"

Today è in caricamento