rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Città Bergamo

Yara, riesumata la salma del padre del presunto killer

La bara di Giuseppe Guerinoni è stata portata in una località segreta per gli esami del dna

BERGAMO - C'è un nuovo passo in avanti nelle indagini sull'omicidio di Yara Gambirasio. Questa mattina è stata infatti riesumata, al cimitero di Seriano, la salma di Giuseppe Guerinoni, l'uomo che gli inquirenti sospettano essere il padre naturale del presunto killer della ginnasta 13enne, scomparsa a Brembate di Sopra (in provincia di Bergamo) e trovata morta dopo tre mesi, il 26 novembre del 2010, in un campo incolto di Chignolo d'Isola.

L'assassino, che ha lasciato sugli slip e sui leggings della ragazza tracce di sangue, sarebbe un figlio illegittimo di Guerinoni. Per gli esami la salma è stata poi portata in un luogo al momento sconosciuto.

Come raccontato dal Corriere della Sera, la bara è stata prelevata dal loculo in cui si trova da dieci anni, e nella località segreta dove è stata portata si preleveranno i reperti per individuare il dna di Guerinoni. All'operazione hanno partecipato gli agenti della polizia scientifica.

A occuparsi del prelievo saranno l'antropologa Cristina Cattaneo, consulente del pubblico ministero, e Giorgio Portera, consulente della famiglia Gambirasio. Dalla salma di Guerinoni verranno prelevate parti dell'osso femorale e, se le condizioni della salma lo renderanno possibile, anche parti di unghie e denti. Le operazioni dureranno circa tre mesi.

Guerinoni morì nel 1999 a 61 anni e sarebbe il padre illegittimo del presunto assassino. I dati degli esami saranno incrociati con quelli ottenuti precedentemente tramite il calcolo biostatico e l'esame di una marca da bollo sulla patente del morto e su alcuni francobolli. Si cercherà poi di risalire all'identità del presunto figlio illegittimo di Guerinoni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Yara, riesumata la salma del padre del presunto killer

Today è in caricamento