rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Tariffe pazze / Padova

Riceve una bolletta da 2.500 euro e pensa al suicidio

Il caso a Padova: una signora ha ricevuto una bolletta del gas da oltre 2.500 euro per il periodo dicembre 2023-gennaio 2024. La storia raccontata dal presidente di Federcontribunenti, Marco Paccagnella: "L'anziana ci ha confessato che la notte prima aveva anche immaginato di andare a gettarsi nel fiume che scorre vicino casa"

Una bolletta da capogiro, talmente alta da mettere nella testa di chi l'ha ricevuta il pensiero di farla finita. Con la fine del prezzo tutelato dell'energia elettrica e del gas sono diversi i cambiamenti avvenuti nel mercato dell'energia, e alcuni di questi hanno degli effetti tutt'altro che positivi. È il caso delle cosiddette "bollette pazze" che, in alcuni casi per errore, raggiungono cifre esorbitanti, in grado di mettere in difficoltà famiglie o anziani. L'ultimo episodio arriva da Padova, dove un'anziana signora ha ricevuto una bolletta del gas di oltre 2.500 euro (2.542,36 per la precisione) relativa al periodo tra dicembre 2023 e gennaio 2024. Come riporta PadovaOggi, la donna si è rivolta a Federcontribunenti, chiedendo aiuto e confessando di aver pensato al suicidio una volta visto l'importo da pagare.

Padova, riceve una bolletta da oltre 2.500 euro

Marco Paccagnella, presidente nazionale dell'associazione, ha raccontato la storia della signora: "Facciamo un esempio: una donna residente a Padova, vive in un appartamento di 64 metri quadrati da sola. Per i mesi di dicembre e gennaio scorsi la principale azienda di fornitura di gas ed energia elettrica le recapita una bolletta da 2.542 euro e 46 centesimi. La signora si è rivolta a Federcontribuenti confessando alle operatrici che la notte prima aveva anche immaginato di andare a gettarsi nel fiume che scorre vicino alla casa di proprietà. Esistono decine di casi simili e crediamo che ci sia il rischio di un’ondata di disperazione di massa, aggravata dalla fine dei bonus sociali che un po’ hanno arginato impennate scriteriate dei prezzi".

La bolletta da oltre 2.500 euro (Foto Federcontrobuenti - PadovaOggi)

Senza il prezzo tutelato, i prezzi dell'energia elettrica e del gas possono fluttuare in base alla domanda e all'offerta, così come a fattori come i costi di produzione, le condizioni meteorologiche e le politiche energetiche. Questo potrebbe portare a una maggiore volatilità dei prezzi per i consumatori. Ed è quello che stanno registrando gli esperti dell’associazione, come spiegato dal consulente Alessandro Micheletto: "È abbastanza clamoroso il caso di un operatore tra i principali a livello nazionale con casi paradossali di molti utenti che terrorizzati da nuovi aumenti si trovano a fissare a 0,40 cent al metro cubo quando il prezzo medio ora è di 0.30, solo per fare un esempio. Ma ci sono casi limite in cui in questo periodo assistiamo a rinnovi contrattuali unilaterali che arrivano a 1 euro e 20 al metro cubo: quattro volte il prezzo medio di mercato, per fare un paragone è come se una persona si vincolasse a fare la benzina all’auto pagandola 7 euro al litro".

Ho risposto all'ufficio del mercato libero e mi sono trovato un contratto della luce a mia insaputa 

Come sottolineato da Paccagnella, le sorprese peggiori arrivano proprio dai gruppi più grandi: "È proprio il caso di dire che piccolo è bello. I più rinomati fanno investimenti milionari in tv e sulla carta stampata e che si comportano in maniera tutt’altro che positiva per i consumatori, in un periodo come questo particolarmente delicato. Assistiamo infatti ad un paradosso: ci sono numerosi casi, circa il 30% del totale delle quasi mille bollette di energia elettrica e gas da noi analizzate, in cui i nostri associati pagano prezzi addirittura più alti di quando c’era il picco del costo dell’energia elettrica e del gas derivanti dalle speculazioni coincidenti con l’inizio della guerra in Ucraina". Un far west nato con la fine del prezzo tutelato, che da un lato doveva dare ai consumatori più opzioni per scegliere il proprio fornitore di energia, portando anche a una maggiore competitività ed efficienza, ma che rischia di tramutarsi in un boomerang per i cittadini che non scelgono con la dovuta attenzione e consapevolezza a chi affidarsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riceve una bolletta da 2.500 euro e pensa al suicidio

Today è in caricamento